Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 427.959.878
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 16 ottobre 2021 alle 09:07

Airuno: 'La montagna è maestra di vita', l'alpinista Valentino Cividini si racconta


Da sinistra il presidente del CAI Walter Corno, il sindaco Alessandro Milani,
l'alpinista Valentino Cividini e il presidente del Parco del Curone Marco Molgora

 

Ha raccontato la montagna con passione e soprattutto con umiltà Valentino Cividini, ospite della serata organizzata dall'amministrazione comunale di Airuno in collaborazione con la sezione di Calco del Club Alpino Italiano e con il parco di Montevecchia e della Valle del Curone. Presenti all'incontro, oltre al sindaco Alessandro Milani e ai membri dell'amministrazione, anche i presidenti dei sodalizi, rispettivamente Walter Corno per il CAI e Marco Molgora per l'ente Parco. È stato proprio il primo cittadino ad introdurre il relatore dell'incontro, ringraziandolo per l'opportunità. "Appassionato di montagna dal 1996 e alpinista dal 2002, ha salito molte vie di ghiaccio, misto e roccia sulle Alpi, realizzando poi tre guide" ha raccontato, passando poi la parola a Corno. "Mi piace pensare alla montagna non come agonismo tra le persone, perchè è solo allora quando la si vive con impegno e amore che diventa un modo per conoscere se stessi". Si è focalizzato invece sul rispetto Molgora, sottolineando che sulle cime è la natura a comandare e solo vivendola con la giusta considerazione essa regala una sorpresa dopo l'altra.


Cividini ha esordito nel suo racconto spiegando che, da quando ha iniziato ad essere appassionato di trekking, ha visto la montagna cambiare. "Questo è avvenuto soprattutto a causa dell'avvento di internet, che ha avuto risvolti negativi e positivi. Tra i lati belli di questa nuova era, sicuramente, il fatto che la meteorologia è alla portata di tutti e ciascuno può informarsi sulle condizioni climatiche prima di intraprendere una camminata. Uno degli aspetti peggiori è invece sicuramente il fatto che, pubblicando foto ed itinerari, la montagna è divenuta davvero "alla portata di tutti", tanto che qualche volta le persone si buttano all ricerca di nuove avventure senza capire che servono, in realtà, mesi o anni di preparazione tecnica e fisica. "Non bisogna sottovalutare nessun giro, piuttosto valorizzare ogni camminata. Non siamo tutti fenomeni ma ognuno di noi è un camminatore in gamba se fa percorsi alla propria portata" ha proseguito con entusiasmo Cividini, spiegando che, un alpinista, per abbassare il rischio deve essere allenato, leggero, veloce e sicuro. Un pensiero, immancabile, è andato anche al periodo della pandemia: se, da una parte, ci ha costretti nelle nostre case, ha permesso anche a chi non aveva mai vissuto l'esperienza della montagna di poter scoprire la bellezza ad un passo da casa. "Comprendo bene il desiderio e la necessità di evadere, io ho avuto la fortuna di addentrarmi sulle cime sopra casa mia, anche grazie al fatto che la FISI - Federazione Italiana Sport Invernali - mi ha permesso di compiere escursioni in qualità di atleta, restando però nei confini regionali.


Prima di passare alla parte della serata dedicata a foto e video, l'alpinista ha chiuso con un auspicio: "Spero che questa pandemia ci faccia capire che l'ambiente e la natura sono preziosi: ho visto la montagna soffrire e cambiare in questi anni, ho visto intere creste crollare e ringrazierò sempre per aver avuto l'occasione di vivere le alture in momenti splendidi". Dopo la descrizione, sono state le immagini a parlare per l'autore, fotografie collezionate in anni e anni di fatica, esperienza e passione. Una vita, insomma, quella di Valentino Cividini, che è rappresentata perfettamente proprio da una sua citazione: "La montagna è maestra di vita, è immensa, noi piccoli uomini non siamo nulla di fronte a lei e la nostra vita dura un attimo rispetto alla sua. Non ci resta che viverla con umiltà, preparazione e dedizione; magari con un pizzico di fortuna se possibile che non guasta mai. Attraverso il rispetto, la fatica e la pazienza si potranno raggiungere i propri sogni pur mantenendo sempre i piedi per terra."
Per visitare il blog di Valentino Cividini, CLICCA QUI. (https://valentinocividini-blog.blogspot.com/)
G.Co.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco