Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 438.359.733
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 23 agosto 2021 alle 19:44

Montevecchia: Luigi Sala è con Pendeggia È quasi certa una lista "cristiano-leghista"

Luigi Sala e Giovanni Castagni
Il mese clou della campagna elettorale non è ancora cominciato, ma a Montevecchia gli scalpori della vigilia sono da piatto forte. Innanzitutto c’è il benvenuto della prima lista che ha annunciato di presentarsi, Montevecchia al Centro, a Luigi Sala. Con dieci anni alle spalle tra le fila dell’opposizione consiliare, Sala ha cambiato idea sul suo imminente futuro, a distanza di nemmeno un mese dalle sue dichiarazioni in senso opposto. Il suo ingresso in MaC è ufficiale. Il segnale di svolta è partito da un nostro articolo del 26 luglio in cui Luigi Sala annunciava che non sarebbe più sceso in campo, ma che avrebbe votato per Montevecchia al Centro, esprimendo la preferenza per Davide Blatti, attualmente suo collega in aula [clicca QUI]. Da lì fondamentale è stato il lavorio da mediatore di Blatti, braccio destro del candidato sindaco Ivan Pendeggia. Lo scoglio da superare erano i dissidi mai sanati fino a qualche settimana fa tra Sala e Pendeggia risalenti a questioni della ProMontevecchia, presieduta da quest’ultimo. L’aspirante primo cittadino non si è accontentato di una dichiarazione sull’intenzione di voto, di un appoggio esterno. Ha puntato al contributo di Sala direttamente all’interno del gruppo, che aveva da poco subìto l’allontanamento di una pedina fondamentale in termini di voti, l’ex vigile Claudio Andreotti [clicca QUI]. Dimostrando senso di Realpolitik, Pendeggia ha colto come un’opportunità l’avere tra i suoi una persona molto attiva come volontario in paese e campione di preferenze nella tornata del 2016. Luigi Sala ne aveva ottenute ben 170 [gli altri candidati dell’una o dell’altra parte non avevano nemmeno raggiunto la soglia di 50 unità a testa, ndr].

“Molta gente mi ha chiesto in questi mesi di candidarmi. Ho provato a fare una mia lista, ma non è stato facile trovare le persone giuste per comporla. Avevo quindi deciso di smettere con la vita amministrativa e di continuare a dedicarmi al volontariato” riavvolge così il nastro Luigi Sala, che aveva pure tentato l’alleanza non riuscita con Marco Panzeri, fuoriuscito dal gruppo di maggioranza. L’approccio con Montevecchia al Centro è invece stato proficuo. “Ci siamo sentiti e visti con Ivan e Davide. Mi hanno detto le tre cose più importanti che servirebbero a Montevecchia e le condivido appieno. Ho conosciuto la squadra, ci sono dentro persone vogliose che mi sono piaciute, così come il programma. Ho chiesto il mese di agosto per decidere e a questo punto ne sono convinto”. Sciolta dunque la riserva. In lista saranno in tutto 10 (5 uomini e 5 donne), oltre al candidato sindaco. Questa settimana dovrebbe uscire il materiale informativo, che sarà consegnato casa per casa e a settembre ci saranno i gazebo. Soddisfatto Pendeggia che parla di “squadra forte, giovane e grintosa”. Sull’innesto di Sala commenta: “È stata una bella sorpresa da ambo le parti. Gli va riconosciuto il suo grande impegno civico, che è secondo a pochi. Ci siamo parlati e chiariti su questioni che erano tutt’altro che insormontabili. Per il bene del paese abbiamo messo da parte quello che era stato”.

Dall’altro lato, Carmela Palella anticipa tutti sul primo incontro pubblico, che si terrà tra pochi giorni, il 26 agosto al ristorante Il Passone. Bocche cucite però sui nomi che comporranno la lista di Montevecchia Sempre Insieme, che saranno svelati tra una settimana. Poi i gazebo e altri comizi.

In silenzio stampa Marco Panzeri e Roberto Oggionni, due ex del gruppo di maggioranza, che nei mesi scorsi hanno tentato di porre le basi per una terza lista. La chiusura dei rubinetti della comunicazione non è un buon presagio sulle sorti del progetto politico.

La novità dirompente invece arriva dalle parti di Ostizza. Ci sono buone probabilità che si crei una compagine attorno a Giovanni Castagni, fondatore della Comunità religiosa Charis [clicca QUI]. Il simbolo sarebbe già pronto così come il nome della lista: “Montevecchia Etica”. Il logo non sarà associato a quello di partiti politici, ma Castagni non fa affatto mistero di essere un fervido leghista e ai comizi potrebbero presenziare anche degli esponenti territoriali del Carroccio. Una notizia che non piacerà a Montevecchia al Centro, tra le cui fila ci sono persone che si riconoscono nei valori del centro-destra. A distanza ci sarebbe anche stato un confronto, più simile a uno scrutamento in realtà. Ma in una fase in cui MaC aveva già composto lista e programma e nuovi incastri avrebbero rivoluzionato il lavoro fatto fino a quel momento. Contattato, Giovanni Castagni esce dal guscio: “La possibilità di formare una lista c’è, il programma c’è e le persone ci sono. La nostra area di riferimento è quella della destra e della Lega, con un indirizzo cristiano”. Senza troppi giri di parole dunque conferma le voci degli ultimi tempi. “Il nostro interesse nasce dal desiderio di fare qualcosa di concreto per questa cittadina che amiamo, attraverso il sociale ma anche l’amministrazione pubblica” aggiunge Castagni. “I principî della Lega possono coniugarsi con i valori del cristianesimo – commenta Castagni – Penso sia fondamentale riuscire ad amare la semplicità delle piccole cose, che vanno custodite. Compito di un buon amministratore è di tutelare, accompagnare e ascoltare le persone”.

“Montevecchia Etica” avrebbe già individuato i soggetti principali a cui affidare le deleghe più pesanti e starebbe attendendo gli ultimi giorni a disposizione per avere il numero sufficiente di candidati per scendere ufficialmente nell’arena della politica locale. E Castagni sente di avere tutte le carte in regola per non deludere le aspettative. “Un amministratore per sottoporsi ai cittadini bisogna che abbia agito sul campo, che sappia gestire i ruoli, individuare le competenze, che nutra una visione e abbia rispetto per tutti. Deve saper comprendere le esigenze, gestire le emergenze come quella scaturita dalla pandemia e cogliere le opportunità di sviluppo, senza farsi attanagliare dalle paure, essendo invece sicuro su come agire”.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco