Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 406.167.529
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 03/08/2021
Merate: 11 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 8 µg/mc
Lecco: v. Sora: 18 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc

Scritto Mercoledì 31 marzo 2021 alle 16:53

I nostri sindaci hanno qualcosa da dire?

Applicare l’art. 4, comma 2, del decreto legge159/2007: i nostri sindaci hanno qualcosa da dire?

Per sapere quanti abitanti conta Ragusa non è certo necessario appellarsi pubblicamente (peraltro senza firmarsi) ai lettori di Merateonline. Tale informazione è infatti agevolmente rintracciabile sul sito del comune in questione, la cui popolazione ammontava il 31 Dicembre 2019 a 71˙438 residenti, contro i 40˙058 di Lecco. Qualora poi fossimo interessati a operare un confronto a livello di ATS, dovremmo sapere che la nostra provincia conta 339˙254 abitanti, ossia virtualmente lo stesso numero di quelli della provincia di Ragusa (ora denominata, in seguito a una delle tante “riforme” all’italiana, “Libero consorzio comunale di Ragusa”), che sono in effetti 314˙812. Le difficoltà organizzative di una campagna vaccinale appaiono dunque del tutto analoghe, con una differenza però: in base agli ultimi dati disponibili, risulta che la sanità lombarda contava nel 2018 su finanziamenti pari a 2˙532 euro per abitante, contro i 1˙831 messi a disposizione della “privilegiata” Sicilia (ma queste cose i tifosi della Lega le sanno?). Ora, non è mia intenzione intromettermi in una polemica tra anonimi (nella fattispecie, i non meglio identificati signori che si firmano Pippo e Alberto), né tantomeno prendere le difese della indifendibile gestione della sanità siciliana. Se però nelle attuali tragiche circostanze la nostra amministrazione regionale riesce a far peggio perfino di quella (peraltro di analogo colore politico) di una regione da sempre afflitta da rilevanti fenomeni di clientelismo mafioso, non sarà obiettivamente il caso di prendere finalmente in seria considerazione una richiesta al Governo di commissariare la sanità lombarda? Non si tratta, si badi bene, di “mandare a casa la giunta Fontana”: ciò non spetta certo all’esecutivo ma, casomai, spetterà a noi elettori nel 2023. Si tratta invece di applicare, come già è stato fatto nel caso della Calabria, l’art. 4, comma 2, del decreto legge 159/2007. Purché, naturalmente, il governo Draghi trovi la forza di imporre anche in questo caso il rispetto della legge vigente, e purché, beninteso, il commissario non venga individuato tra i responsabili del disastro. I nostri sindaci hanno qualcosa da dire in proposito?
Michele Bossi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco