Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 363.977.653
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/11/20
Merate: 32 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 28 µg/mc
Lecco: v. Sora: 25 µg/mc
Valmadrera: 26 µg/mc
Scritto Venerdì 20 novembre 2020 alle 19:47

Sartirana: apre la finestra e si trova il ladro aggrappato al canale, Anziana urla e lo fa scappare. Via Volta sotto assedio

Non sono passate nemmeno ventiquatt'ore e questo pomeriggio i ladri sono tornati a colpire a Sartirana in via Volta, nella casa adiacente alle due "visitate" nel corso della notte appena trascorsa (clicca qui). Una serie di effrazioni mentre i proprietari erano in casa con delinquenti che si sono dati alla macchia, non appena le vittime si sono accorte della loro presenza.

Come accennato l'ultimo episodio risale a questo pomeriggio quando poco prima delle 17.30 un'anziana si è trovata di fronte il ladro che stava arrampicandosi sul pluviale della palazzina a due piani dove risiede.

Immagini di repertorio del tentativo di furto avvenuto una decina di giorni fa a Cassina

Ero in casa e stavo per scendere a preparare l'umido per domani mattina. Stavo pensando a quello che dovevo fare quando ho sentito degli strani rumori venire da fuori" ha raccontato "istintivamente ho spalancato la finestra che dà sul retro e mi sono trovata davanti un uomo, vestito di nero, con il cappellino calato sul viso che stava arrampicandosi sulla parete di casa mia, aggrappato al canale. Ho iniziato a urlare e a dirgli di andarsene immediatamente. Forse è stato spaventato dalla mia reazione e con un balzo è sparito. Ho subito chiamato mia figlia e poi abbiamo avvertito i carabinieri. Purtroppo non l'ho visto in faccia, aveva il cappello che lo nascondeva, era alto circa un metro e sessantacinque, molto agile".

L'ispezione nel cortile della casa ha permesso di ricostruire l'azione del malvivente che, probabilmente, aveva un palo nei dintorni per poter fuggire indisturbato a bordo di un mezzo.
Una volta entrato nel cortile, probabilmente passando dai campi che si trovano alle spalle della casa, il malvivente ha utilizzato una grotta in cemento della Madonna per raggiungere il tetto del garage e da qui iniziare la salita sulla parete dell'edificio aggrappandosi al canale.
I rumori provocati dall'arrampicata hanno però allertato la proprietaria che affacciatasi alla finestra lo ha messo in fuga urlando.

L.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco