Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 302.974.129
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/06/2019

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 21 µg/mc
Lecco: v. Sora: 21 µg/mc
Valmadrera: 20 µg/mc
Scritto Sabato 25 maggio 2019 alle 09:15

Merate: violenta scarica di grandine mista a vento e pioggia. Crollo delle temperature


L'acquazzone che si è rovesciato venerdì sera sul meratese attorno alle 20 ha causato l'allagamento di diversi scantinati e cantine soprattutto nell'area meratese e casatese. Danni particolari non se ne sono registrati, grazie anche all'intervento dei vigili del fuoco che hanno operato per liberare al più presto le zone ingombre di acqua.

VIDEO


La circolazione ha subito rallentamenti specialmente su Via Bergamo dove diversi tombini e avvallamenti hanno "ceduto" creando un vero e proprio fiume che le autovetture hanno dovuto "guadare". I pompieri sono dovuti intervenire anche al centro sportivo di Via Matteotti per un allagamento nel locale delle pompe che non ha causato danni strutturali nè problemi al regolare funzionamento della struttura.

Loc. Cavigiolo

L'improvviso maltempo con una scarica di grandine che è durata diversi minuti, unita a vento e pioggia battente ha causato un crollo delle temperature che nel pomeriggio erano arrivate a superare i 24 gradi e che la sera si sono praticamente dimezzate.

A Cernusco Lombardone, in zona Cavigiolo, una cascata di fango e detriti precipitava dai terreni sopra via Carlo Porta. Il flusso scendeva lungo la strada, immettendosi poi nella SP 54 che conduce a Montevecchia, a pochi metri dal curvone dove in passato si sono verificati diversi incidenti automobilistici.

Loc. Orane

A Osnago sono stati mobilitati i volontari del gruppo “I Falchi” della Protezione civile. In zona Orane, al confine con Cernusco, i maggiori disagi per i residenti. L’acqua non è stata drenata correttamente nei terreni circostanti, esondando dai fossi. In fondo a via delle Orane era visibile un ampio allagamento, solo la punta di un iceberg.

VIDEO



Gli allevatori della zona, usciti dalle loro proprietà, hanno lamentato i danni nelle loro stalle, in particolare nei ricoveri per la mungitura.

Loc. Bestech

Un problema che hanno fatto presente da diverso tempo alle autorità competenti. Prezioso è stato l’intervento della protezione civile in zona Bestech sempre a Osnago e al Tricudai a Lomagna. Il lavoro è consistito nella messa in sicurezza del manto stradale, ripulendolo dai detriti più grossi che altrimenti avrebbero potuto essere causa di problemi per gli automobilisti. Un’unità di volontari della protezione civile e gli alpini hanno vigilato presso l’edificio scolastico delle scuole medie di via San Dionigi a Cernusco Lombardone, dove si stava svolgendo un concorso canoro degli alunni.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco