Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 302.869.064
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/06/2019

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 21 µg/mc
Lecco: v. Sora: 21 µg/mc
Valmadrera: 20 µg/mc
Scritto Giovedì 23 maggio 2019 alle 18:51

Cernusco: gli studenti ricordano la strage di Capaci e le morti bianche della mafia

Hanno ricordato Giovanni Falcone anche gli alunni di classe 2^ della scuola media di Cernusco Lombardone nella mattina odierna, in occasione dell’anniversario dell’uccisione a Capaci del magistrato siciliano insieme alla moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Un 23 maggio celebrato con le canzoni di impegno civile e la sintesi di un lavoro di approfondimento in classe sulle tante vittime di mafia: collaboratori o testimoni di giustizia, uomini di Stato e persone innocenti che si trovavano al momento sbagliato nel posto sbagliato.

VIDEO


Nei primi due moduli di lezione il dirigente scolastico Antonio Cassonello ha incontrato gli studenti per presentare la giornata e rendere i giovani consapevoli di un passaggio della storia recente, che ha segnato la sconfitta delle Istituzioni. Poi nel cortile esterno della scuola, dopo l’intervallo, gli alunni delle sei sezioni di seconda si sono resi partecipi del ricordo e della riflessione.

Con pensieri e brevi analisi tratti dal libro “Sulle regole” di Gherardo Colombo, la 2^ A ha posto la distinzione tra i concetti di legalità e di giustizia. Poi la canzone dei Modena City Ramblers “I Cento passi”, tratta dal film omonimo sulla vita di Peppino Impastato. È stata rievocata la scena del film con l'interpretazione degli insegnanti Daniela Lazzera e Christian Pino.

La 2^C ha visto in classe la puntata de “Il testimone” di Pif sull’associazione antiracket Addiopizzo e ha così riportato l’esperienza dei giovani palermitani. Poi sono stati ricordati i bambini uccisi dalla mafia, per testimoniare che gli uomini d’onore si sono sempre macchiati delle peggiori morti bianche. Altro momento musicale con la canzone “Pensa” di Fabrizio Moro sotto la guida dei professori Cristiana Torazza e Maurizio Cavallo. Infine il lancio dei palloncini, rigorosamente biodegradabili, contenti gli scritti che sono stati letti nell’arco della manifestazione. A curare l’iniziativa è stata la professoressa di Lettere Elena Pelà, in collaborazione coi docenti Patrizia Riva, Simonetta Santamaria, Agostino Bonserio e Claudia Mauri.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco