Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 299.928.408
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/05/2019

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 23 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Venerdì 19 aprile 2019 alle 08:27

Verderio: Orazio e la sua barboncina Minou si laureano campioni del mondo di ''agility''

Insieme sul tetto del mondo, Orazio Vinci e la sua dolcissima barboncina Minou, due assi ormai conclamati dell'agility dog internazionale. La conferma che il loro è un duo dalle spiccatissime qualità, in questa particolare disciplina dove il feeling uomo-animale viene prima di ogni cosa, è arrivata con la vittoria che il verderese e la sua cagnolina sono riusciti a strappare al campionato mondiale che si è da poco disputato in Olanda. Campioni lo sono diventati nella categoria squadre, gareggiando in uno dei quattro team che hanno rappresentato la nazionale azzurra nella competizione.

Una storia che passa sì dai recenti successi ottenuti insieme, la loro, ma che in realtà inizia con una passione sbocciata all'improvviso. ''Prima del 2008 non avevo addirittura avuto mai dei cani'' ha raccontato Orazio Vinci. ''Poi, spinto dalla moglie, abbiamo preso Trilly, che è un cavalier king. E' con lei che ho iniziato a capire cosa fosse l'agility. Ho seguito corsi di istruttore di agility e sono diventato un addestratore e, insieme, abbiamo partecipato a diverse gare''.

VIDEO


L'approdo in nazionale di Orazio Vinci, 40 anni, proprio con la sua cavalier king nel 2017. La consacrazione a fuoriclasse della disciplina, però, coincide con i primi successi ottenuti insieme a Minou. ''Lei l'abbiamo presa quattro anni fa'' ha continuato Orazio.

Orazio Vinci e la sua barboncina Minou

''Stavamo cercando un cane da allevamento, ma poi abbiamo visto l'annuncio di una famiglia di Casatenovo che non poteva più tenere questo barboncino perché era troppo agitata. Quando siamo andati a vederla abbiamo capito subito che aveva un bel temperamento, quello che ci vuole per l'agility. Aveva solo 3 mesi''. L'addestratore cinofilo e la sua cagnolina, che non avendo il pedigree può gareggiare nella categoria meticci, si sono aggiudicati un posto nelle gare che si sono disputate tra il 10 e il 14 aprile in Olanda dopo aver vinto il campionato italiano della taglia small, la stessa che li ha visti trionfare al campionato mondiale nel ''team 4'', ovvero quello composto anche da Andrea Galli, Giuseppe Amoroso e Francesco Zaccarini con i rispettivi amici a quattro zampe.

''Nelle gare individuali, io e Minou siamo arrivati sesti, il che è già un grandissimo risultato. Siamo nella Top 10'', ha aggiunto Vinci. La soddisfazione più grande è arrivata però con nella competizione a squadre. Una soddisfazione, tuttavia, che l'addestratore cinofilo verderese è intenzionato a riprovare nelle prossime gare alle quali prenderà parte con uno dei suoi tre fido. Oltre a Trilly e Minou, infatti, c'è anche Elly, una shettland di 13 mesi. Tra i verderesi, dunque, c'è anche chi può dire di essere un campione del mondo.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco