Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 299.869.047
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/05/2019

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 23 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Mercoledì 17 aprile 2019 alle 09:48

Bernareggio: 24enne fermato dalla Polizia. Era pronto ad arruolarsi con le milizie Isis

Giuseppe Frittitta
Giuseppe Frittitta, 24 anni camionista originario di Palermo ma residente a Bernareggio, e Ossama Ghafir marocchino 18enne della provincia di Novara, sono stati fermati dalla polizia di Stato poichè accusati a vario titolo di reati in materia di terrorismo.

Secondo quanto riportano i quotidiani nazionali Frittitta, si era convertito all'Islam, mentre Ghafir, è ritenuto un fondamentalista islamico ed entrambi, progettavano di andare a combattere con l'esercito dell'Isis in Siria e Turchia. I due "lavoravano" molto con internet, specialmente con i social, acquisendo materiale video con istruzioni per la partecipazione ai combattimenti, studiando tecniche di guerriglia e scaricando notizie sulle azioni kamikaze. Le intercettazioni in rete da parte degli inquirenti avevano permesso più volte di sentire le invocazioni per l'uccisione di tutti gli occidentali.
In particolare Frittitta, secondo le accuse mossegli dalla procura, avrebbe "pubblicamente fatto apologia di più delitti in materia di terrorismo, condividendo materiale avente carattere estremista-jihadista e mantenendo i contatti con soggetti, italiani e non, convertiti alla fede islamica noti per il loro livello di radicalizzazione"."
Il 24enne è stato fermato in provincia di Monza Brianza dagli agenti della Digos palermitana con l'ausilio dei colleghi sul posto.
Frittitta che da qualche anno aveva iniziato a frequentare assiduamente i luoghi di culto islamici, si era trasferito al nord per motivi di lavoro (era conducente di mezzi pesanti) e qui aveva proseguito nel suo processo di radicalizzazione e di formazione alla cultura jihadista, preparandosi per essere arruolato nelle milizie dei lupi solitari.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco