Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 302.456.576
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/06/2019

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 21 µg/mc
Lecco: v. Sora: 21 µg/mc
Valmadrera: 20 µg/mc
Scritto Venerdì 12 aprile 2019 alle 18:31

Imbersago: penultima assise con una variazione e modifica al regolamento IUC

Sei mila euro per regolare lo scarico delle acque piovane, in particolare quelle dell’isola ecologica, e una deliberazione formale per modificare il regolamento che disciplina la IUC, l’imposta unica comunale. Poca carne al fuoco per il consiglio comunale di Imbersago che si è svolto nella serata di giovedì 11 aprile, il penultimo dell’ultima legislatura con a capo del Municipio il sindaco Giovanni Ghislandi, colui che ha illustrato all’assise nel dettaglio i due punti all’ordine del giorno previsti.

Il primo, una variazione al bilancio decisamente magra,  stata prevista in buona sostanza per stanziare 6mila euro nella parte corrente per finanziare tre piccole operazioni. Il Comune, innanzitutto, deve infatti un rimborso per una collaborazione tecnico ingegneristica rispetto alla verifica sismica effettuata sugli edifici pubblici.

Le altre due riguardano entrambe lo smaltimento delle acque in paese. Per una somma pari a circa un sesto del totale della variazione, cioè mille euro, l’Amministrazione avvierà la pratica per adeguare lo scarico delle acque dell’isola ecologica dopo che la Provincia di Lecco, negli scorsi mesi, ha chiesto a tutti i Comuni del territorio di accertarsi che l’acqua proveniente dalle discariche venga smaltita in maniera sicura. Ad Imbersago, dove l’isola ecologica è piuttosto recente, ha commentato Ghislandi, non servirà lavorare un granché per mettersi in linea con le richieste della Provincia. Il resto della variazione, invece, servirà ancora una volta per capire se in paese le acque, in particolare quelle reflue urbane, vengono scaricate nel modo corretto.

Infine è stato aggiornato il regolamento dell’Imposta comunale unica. I Comuni, stando a quanto prevedono le nuove normative, dovranno stanziare una cifra non superiore al 5% di quanto ottenuto da IMU e TARI per dotare i propri uffici tributi di tutta la strumentazione necessaria per recuperare tutti gli insoluti dell’anno precedente delle due imposte citate.

L’ultimo consiglio comunale si svolgerà con molta probabilità il 6 maggio e, tra le altre cose, sarà portato all’approvazione dei consiglieri il rendiconto di gestione.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco