Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 299.868.307
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/05/2019

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 23 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Sabato 30 marzo 2019 alle 22:01

Paderno: il flash mob per dire stop ai rifiuti nel cementificio

Un flash mob ispirato nel modello a quello che gli attivisti organizzarono ad Amburgo nel luglio del 2017, in occasione del G20. La sostanza della protesta partita da Piazza Vittoria, a Paderno, alle 15.30 di sabato 30 marzo, mentre in via Airoldi era in corso la festa del salame al cioccolato da record, è stata tutta un'altra.

Quello organizzato a Paderno dagli esponenti dei comitati ecologici ''La Nostra Aria'' e ''Rete Rifiuti Zero Lombardia'' è stata l'ennesima rimostranza nei confronti delle emissioni che fuoriescono dal cementificio di Calusco. Il messaggio, al quale si sono uniti anche alcuni studenti del Liceo Agnesi di Merate che due settimane fa, in occasione del ''Global strike for the future'', cioè lo sciopero al quale aderirono giovani da tutto il mondo ispirati dall'attivista Greta Thunberg, è stato ancora una volta molto chiaro: basta bruciare rifiuti.

 

Cosparsi di argilla sul volto e sui capelli, gli attivisti si sono avviati verso via Airoldi in una marcia cupa, quasi come se stessero interpretando degli zombie. Arrivati in prossimità del gazebo allestito accanto ai tavoloni che hanno ospitato il salame al cioccolato da record, chi ha partecipato al flash mob si è finalmente tolto di dosso i vestiti grigi, mostrando magliette dai colori accesi. La metafora è quella di un mondo che, se cosciente, può liberarsi dalla piaga dell'inquinamento e del surriscaldamento globale.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco