Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 294.195.333
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/03/2019

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Mercoledì 13 marzo 2019 alle 17:55

Bernareggio: dopo i lavori sulla dorsale, le polemiche

Appena concluso il cantiere, ecco arrivare puntuali le prime osservazioni alle opere in archivio. Parliamo di via Gramsci, una delle ultime strade ad essere state interessate dai lavori per la realizzazione della dorsale idrica appaltati da CAP Acque e terminati da pochi mesi sul suolo bernareggese. Percorrendo infatti la ex provinciale nel tratto all'altezza di via Lombardia, se non si conosce bene la strada e si mantiene una velocità piuttosto sostenuta, lo scalino che si incontra viaggiando in direzione Vimercate, oltre che destare sorpresa, può provocare lo stesso sobbalzo di un dosso artificiale preso senza rallentare.
La zona, compresa nel tratto dal semaforo della SP 177 fino a viale dell'Artigianato, come noto è stata interessata dalla recente posa delle tubazioni, ma la riasfaltatura che è stata fatta dopo l'installazione delle tubature è provvisoria.

La strada presenta inoltre una vistosa "cucitura" provenendo dalla RAE in direzione del cimitero, dello stesso tipo che s'incontra su gran parte delle vie Risorgimento e De Gasperi. Al riguardo il sindaco Andrea Esposito, già prima della fine dei lavori aveva annunciato che in primavera sarebbero iniziate le riasfaltature delle strade oggetto del cantiere della dorsale.
Ma anche di quelle del tracciato inizialmente previsto per la posa delle tubazioni (la zona di via Obizzone, Monte Grappa e San Mauro). Percorso che in autunno, dopo alcune verifiche ispettive nel sottosuolo, ha subito una modifica in direzione della caserma dei Carabinieri. Sul fatto che il riassetto della strada sia provvisorio, ha rassicurato anche il comandante della Polizia Locale, Maurizio Zorzetto, che ha rilevato che quando vengono effettuati scavi di una certa profondità è necessario lasciar passare del tempo perchè il lavoro si possa assestare. Ad ogni modo in primavera partirà la riasfaltatura complessiva delle strade, che si dovrebbe completare nel 2019.
M.L.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco