Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 294.008.547
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/03/2019

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Martedì 12 marzo 2019 alle 16:32

Comunicato dei componenti RSU Uil Fpl del Lario

I componenti della RSU Uil Fpl del Lario della ASST di Lecco, prendono ufficialmente le distanze e si dissociano dal comportamento inadeguato e poco professionale del coordinatore RSU.
Evidenziamo, l'incapacità di interagire con i Delegati RSU, azzittendoli in maniera irruenta e poco educata durante gli interventi, che siano donne o uomini. La tracotanza di approccio verbale e comportamentale posto in essere, sia durante gli incontri RSU sia durante le trattative con la Direzione è volto al non decidere mai sul da farsi, ma sempre nel rimandare le discussioni posticipando le decisioni sulle tematiche poste dai Lavoratori. Questi comportamenti sono stati aggravati in più occasioni, dal coordinatore RSU, con abbandoni dell'aula durante le trattative, lasciando da soli i Componenti della RSU dinanzi alla Direzione Strategica, nell'impossibilità di poter prendere qualsiasi decisione al tavolo.
Siffatti atteggiamenti a nostro avviso risultano inaccettabili e screditano la componente sindacale. Per noi delegati, e per gli altri componenti della RSU, questo è motivo di forte malumore, e demotivazione che comporta e porta uno scarso raggiungimento degli obiettivi prefissati.
Tutto questo comporta difficoltà nell'approcciare ogni volta le tematiche che si dovrebbero affrontare, infatti gli incontri della RSU diventano delle "arene" dove la maleducazione e le vessazioni avvelenano i normali rapporti umani/lavorativi. Pertanto per gestire e per meglio interpretare le tematiche in discussione, noi cerchiamo attraverso iniziative con altre sigle sindacali di raggiungere gli obiettivi non altrimenti raggiungibili.
Rivendichiamo quindi, un clima lavorativo sereno collaborativo e costruttivo, perché siamo certi che all'interno della RSU ci sono persone che con dedizione e fatica, a prescindere dalla propria appartenenza sindacale, possono interpretare al meglio la figura del coordinatore, con lo scopo di aderire ad un nuovo modo di fare Sindacato e di fare bene in nome e per conto delle Lavoratrici e dei Lavoratori della ASST di Lecco.
Con il presente chiediamo al coordinatore, per il bene della RSU e dei Lavoratori, un passo indietro affinchè all'interno della RSU si possa finalmente giungere ad un clima sereno, per il proseguo del lavoro per la risoluzione dei problemi presso la ASST di Lecco.

I componenti RSU Uil Fpl del Lario Nella Sciaini, Roberta Di Virgilio, Monica Lumina, Martina Auriemma, Vito Lauricella,
Claudio Bosco, Giovanni Barbagallo, Giuseppe Valsecchi, Giuliano Giammona, Gaetano Scardilli.
.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco