Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 294.194.192
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/03/2019

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Lunedì 18 febbraio 2019 alle 19:05

Merate: apre la mostra degli alunni di grafica dell’ITS Viganò dopo il furto dei computer. Nei ritratti sguardi senza emozioni

L'ultima iniziativa in ordine temporale della campagna ''Ci hanno rubato la creatività'', lanciata dagli studenti di grafica del Viganò che subirono lo scorso dicembre il furto di trenta computer dai loro laboratori, si chiama ''Ritratti oltre lo sguardo'' ed è una mostra in cui i protagonisti sono proprio gli alunni - in tutto 96 del triennio dalla terza alla quinta delle sezioni I ed L - privati dei loro strumenti di lavoro e non solo.

VIDEO

Il nome dato all'iniziativa, infatti, è senz'altro un modo per sottolineare che al di là del valore della refurtiva, i ladri che si intrufolarono nell'Istituto di via Lodovichi nella notte dello scorso 20 dicembre rubarono soprattutto il veicolo con cui meglio sanno trasportare tutta la loro capacità espressiva. Fortuna vuole che quei giovani ''derubati'' di creatività ne hanno davvero da vendere.

Da sinistra i docenti Silvio Dessi, Milena Scaccabarozzi, Nicoletta Sala, Nicoletta Labanca, Martina Orlandini e Serena Ratti

Perciò nei ritratti che si sono scattati per allestire la mostra inaugurata nel pomeriggio di lunedì 18 febbraio, nell'atrio del Municipio di Merate, hanno utilizzato espressioni apatiche, tolte di ogni sentimento, proprio per esprimere come si erano sentiti il giorno dopo il furto, svuotati del loro sapere e forse un po' arrabbiati ma comunque impotenti di fronte a quell'ingiustizia.

La docente di grafica Serena Ratti

Non c'è stato nient'altro da fare che aggrapparsi nella speranza che il territorio reagisse insieme a loro, ed ecco il senso dell'iniziativa ''Ci hanno rubato la creatività'' che prima attraverso un calendario, poi una campagna di sensibilizzazione diffusa anche con il giornale della scuola ''About'' e quella di raccolta fondi attraverso la piattaforma gofoundme (giunta in questi giorni a 3.500 euro), ha di fatto smosso un po' le coscienze e consentito alla scuola di avvicinarsi alla cifra che serve per riacquisire i computer perduti.

All'inaugurazione di lunedì pomeriggio non potevano mancare i docenti di progettazione grafica che, passo dopo passo, hanno in questi mesi affiancato gli studenti ragionando insieme a loro quali strategie fossero più efficaci per esporre il problema: Silvio Dessi, Milena Scaccabarozzi, Nicoletta Sala, Nicoletta Labanca, Martina Orlandini e Serena Ratti.

Quest'ultima è intervenuta per presentare la mostra spiegando proprio il senso di quegli sguardi vuoti e ripercorrendo le tappe che hanno portato i grafici del Viganò fino all'atrio del Municipio, sostenuti tra l'altro dall'Amministrazione comunale nella persona dell'assessore all'istruzione Silvia Sesana e del sindaco Andrea Massironi, il quale nel suo breve intervento ha rassicurato i presenti dicendo che farà il possibile affinché le imprese del territorio possano aiutare il Viganò ad acquistare i PC che servono.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):
Articoli correlati:

A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco