Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 296.858.616
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 17/04/2019

Merate: 28 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 16 µg/mc
Scritto Martedì 12 febbraio 2019 alle 13:35

Merate: Messa dell'Unitalsi in ospedale con Mons. Rolla

Si è tenuta lunedì 11 febbraio sera presso la cappella dell'ospedale San Leopoldo Mandic di Merate la santa messa in occasione della XXVII Giornata Mondiale del Malato e del 161° anniversario della prima apparizione della Madonna di Lourdes. La celebrazione è stata presieduta da monsignor Maurizio Rolla, vicario episcopale della Zona III di Lecco.

Don Biagio, Mons. Rolla e Don Enrico

Tra i fedeli che hanno partecipato alla liturgia anche i volontari della sottosezione di Merate dell'Unitalsi che ha organizzato l'iniziativa religiosa. Al centro del messaggio rivolto durante l'omelia monsignor Rolla ha posto l'importanza del dono. «È complicato fare cose meravigliose quando altri ci sputano sopra, ma questa è la cifra dell'esperienza credente cristiana».

Ha però rimarcato l'importanza di soprassedere a certe difficoltà, imparando piuttosto la consapevolezza della gratuità. Il pensiero è andato in particolare ai malati che hanno bisogno del supporto di amici e parenti.

«Stare vicino al malato non è semplice: portarlo in ospedale, al santuario, senza talvolta che venga riconosciuto lo sforzo. Noi però dobbiamo agire senza aspettarci nulla in cambio. A volte siamo più comprensivi con le persone estranee attraverso l'opera di volontariato, e prestiamo meno attenzione per i nostri famigliari che magari si dimostrano meno riconoscenti. È una discrasia su cui bisogna riflettere» ha riflettuto monsignor Maurizio Rolla.

La messa è poi proseguita allietata dai canti del Coro "Madonna della Pace" della parrocchia santo Stefano di Novate.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco