Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 297.136.755
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 17/04/2019

Merate: 28 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 16 µg/mc
Scritto Domenica 10 febbraio 2019 alle 08:39

Ponte: il Comitato richiede il dossier della chiusura ad RFI e aggiornamenti dagli enti

Il Comitato Ponte San Michele è tornato nelle scorse ore ''alla carica'' avanzando una serie di richieste ad RFI, Trenord, Regione, Governo e Amministrazioni comunali riguardo a tutto ciò che, per i suoi esponenti, ancora non quadra. Innanzitutto il fatto che a distanza di quasi cinque mesi dalla chiusura del viadotto tra Paderno e Calusco e nonostante le ripetute domande per averli, al Comitato RFI ancora non ha fatto avere il rapporto ufficiale che portò alla decisione di transennare gli ingressi del San Michele, lo scorso 14 settembre. Da Reti Ferrovie Italiane, poi, gli scriventi vorrebbero un cronoprogramma aggiornato della seconda parte di lavori - quelli strutturali che interessano l'arcata - e una conferma di quanto promesso invece rispetto ai lavori dell'asse stradale. Governo e Regione, invece, secondo il Comitato dovrebbero far sapere quali sono i tempi d'attesa prima che vengana utilizzata la cifra impegnata per la mobilità alternativa, circa 1.5 milioni.
Ad RFI e Trenord il Comitato è quindi tornato a chiedere di prendere in considerazione alcune proposte che riguardano introduzione di nuove navette e in generale una maggiore attenzione sul trasporto dei pendolari. Alle Amministrazioni di Calusco e Paderno, infine, è stato chiesto di stanziare ugualmente i soldi in precedenza impegnati per gli sgravi sulla TARI ma non assegnati alle aziende (per via, secondo il Comitato, di regole troppo stringenti perchè certe imprese potessero ottenerli).
Di seguito il comunicato integrale:

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco