Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 297.326.345
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 17/04/2019

Merate: 28 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 16 µg/mc
Scritto Venerdì 08 febbraio 2019 alle 17:28

La definizione agevolata dei debiti: la rottamazione-Ter

Tra le tante novità introdotte dalla cosiddetta Pace Fiscale, iniziamo con l'analisi di uno strumento per certi versi non del tutto nuovo ai contribuenti, la c.d. rottamazione ter. Questa, infatti, prevede la possibilità di accedere ad una definizione agevolata dei propri debiti, così come era già stato offerto in precedenza nel 2016, ed ancora nel 2017 con la rottamazione bis.


La rottamazione ter costituisce, in sostanza, un importante aiuto a tutti quei contribuenti che hanno maturato dei debiti con l'Agenzia delle Entrate, consentendo loro di ottenere un forte sconto sull'importo complessivamente dovuto. Infatti, nel caso in cui il cittadino decida di ricorrere a tale strumento, in relazione a ciascun debito "definibile" non dovranno essere corrisposti né gli interessi di mora né le sanzioni. A ciò, fanno eccezione le sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada, per le quali lo sconto previsto dalla normativa si applica limitatamente agli interessi. Pertanto, al contribuente sarà dunque offerta la possibilità non solo di ottenere una importante riduzione del carico debitorio, ma, altresì, di scegliere se corrispondere il tutto in un'unica soluzione oppure in un numero massimo di 18 rate dilazionabili in 5 anni; tale circostanza rappresenta indubbiamente un grande vantaggio nel caso in cui il debito riguardi importi di rilevante entità. Peraltro, nel caso in cui si proceda con la rateizzazione verrà applicato un tasso di interesse ridotto rispetto al passato, ossia pari al 2% annuo a decorrere dal 1 agosto 2019. A tal proposito, per maggior completezza espositiva, occorre chiarire che non tutti i debiti possono essere oggetto di "rottamazione". Infatti, non rientrano nel beneficio differenti tipologie di carichi, che vengono esclusi in ragione della loro natura, fra i quali quelli riferiti agli aiuti di Stato considerati illegittimi dall'Unione Europea; i crediti derivanti da condanne pronunciate dalla Corte dei conti; le multe, le ammende e le sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna; le sanzioni diverse da quelle irrogate per violazioni tributarie o per violazione degli obblighi relativi ai contributi e ai premi dovuti agli enti previdenziali. Ad ogni modo, giova evidenziare che i benefici sopra descritti si rivolgono, essenzialmente, ai contribuenti con debiti affidati all'Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017, ma non solo. Infatti, potranno altresì usufruire della rottamazione ter, coloro i quali avevano già aderito alla "prima rottamazione" (definizione agevolata prevista dal D.L. n. 193/2016) e sono decaduti per non aver versato tempestivamente ed integralmente le rate del piano di definizione; nonché quanti avevano aderito alla "rottamazione-bis" (Definizione agevolata prevista dal D.L. n. 148/2017) nel solo caso in cui risultino integralmente saldate, entro il 7 dicembre 2018, tutte le rate in scadenza nei mesi di luglio, settembre e ottobre 2018. Per quanti si chiedono come aderire in concreto alla definizione agevolata, la risposta è molto semplice. In primo luogo, il contribuente deve, entro e non oltre il 30 aprile 2019, comunicare all'Agente della riscossione - ovverosia l'Agenzia delle Entrate - la propria volontà di accedere alla rottamazione. Ciò può avvenire, sia telematicamente, sia presso gli appositi uffici. Tuttavia, in entrambe le ipotesi è sempre consigliabile affidarsi ad un Professionista per la corretta redazione ed il successivo invio della domanda. Peraltro, si precisa che in tale sede sarà, altresì, possibile selezionare ogni singola cartella che si intende "rottamare", decidendo quindi di pagarne alcune ed escluderne altre. Una volta acquisita la domanda, l'Agente della riscossione, entro il 30 giugno 2019, comunicherà al contribuente che ha presentato la dichiarazione l'eventuale diniego ovvero l'accettazione della domanda, avendo cura di indicare in tale ultima ipotesi l'ammontare complessivo delle somme dovute ai fini della definizione, nonché quello delle singole rate, oltre al giorno e mese di scadenza di ciascuna di esse, ottenendo così una panoramica completa della situazione. Per di più, si evidenzia che a seguito della presentazione della dichiarazione di adesione, l'Agente della riscossione, limitatamente ai debiti rientranti nell'ambito applicativo della definizione agevolata - c.d. "debiti definibili" - non darà seguito alle procedure esecutive già avviate, ed, inoltre, non saranno intraprese nuove procedure cautelari o esecutive nei confronti della parte debitrice, mentre resteranno i fermi amministrativi e le ipoteche già iscritti alla data di presentazione della domanda. Si precisa, infine, che la dichiarazione di adesione ha effetti sui termini di prescrizione e decadenza dei carichi oggetto di domanda, i quali per l'appunto rimarranno sospesi. Allo stesso modo, una volta presentata la domanda di definizione, sarà possibile sospendere gli obblighi di pagamento derivanti da precedenti rateizzazioni.

In definitiva, forti sconti, possibilità di rateazione e riduzione dei tassi di interesse, sono i significativi vantaggi introdotti con la rottamazione ter, che indubbiamente rappresenterà una "boccata d'aria" per il cittadino-debitore che si trovi in difficoltà economica, ma che voglia comunque regolarizzare la propria posizione debitoria, e "fare pace" con il fisco. Prossimo appuntamento al 12 febbraio per l'analisi, insieme all'Avv. Crea, delle altre rilevanti novità introdotte dalla legge di bilancio 2019.


Articolo redazionale a cura di

Studio Legale Crea

Osnago - Via Statale n. 8 Milano - Corso XXII Marzo n. 4

www.studiolegalecrea.net




Articoli correlati
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco