Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 297.350.620
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 17/04/2019

Merate: 28 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 16 µg/mc
Scritto Sabato 02 febbraio 2019 alle 16:52

Avevi un sorriso bellissimo che trasmetteva simpatia e dolcezza ed eri combattiva e determinata. Mancherai tantissimo a molti di noi Giusi ma soprattutto a me

Rivolgo il mio pensiero a te che hai fatto parte della mia vita professionale per quasi 10 anni.
La tua presenza quotidiana in Comune si è notata fin da subito ed è perdurata costante durante tutto il tempo in cui sei stata presente.
Ci siamo trovate lungo i corridoi del Palazzo, per la grande affinità di carattere: entrambe donne forti e combattive.
Ti ho ammirata subito per quel bellissimo sorriso che trasmetteva simpatia, cordialità, sensibilità, dolcezza: amante dei particolari e dei colori, estrosa nel look sempre attento, curato e raffinato. Volevi portare a Merate un tocco della cultura milanese; di quella Milano rimasta nel tuo cuore per avervi lavorato con passione e competenza. E ci sei riuscita!!! E hai modernizzato il concetto di cultura, in una cittadina come Merate poco abituata a tante manifestazioni, ma curiosa e propensa a lasciarsi coinvolgere.
Il tuo impegno in politica è stato fin da subito di lotta, ma sei riuscita a rimanere salda nei tuoi principi e nelle tue motivazioni, anche quando sei stata trattata senza rispetto, solo per pregiudizio, in quanto "donna", o perché uscivi troppo fuori dai consueti schemi di pensiero e di azione. Hai lottato contro la misoginia di chi, con arroganza e presunzione, non credeva alle capacità di una donna come te in politica. Quando c'era la delusione si leggeva dal tuo sguardo, e, nonostante tutto, dicevi che volevi continuare e che non volevi darla vinta. E ogni volta che lo cercavi, trovavi me ed il mio sostegno morale e professionale.
Negli ultimi anni, ti eri affermata ed eri anche, finalmente, tenuta nella dovuta e meritata considerazione; e questo momento doveva essere quello di "raccolta" dei frutti seminati .
Sei sempre stata disponibile e generosa. Ogni giorno c'era una novità, una iniziativa a cui partecipare, un evento imperdibile.
In tanti ti ricorderanno sul fronte sociale per avere donato anche materialmente e generosamente. Ti sei sempre lasciata coinvolgere nei problemi della gente, e sei sempre stata pronta ad ascoltare ed a trovare soluzioni per gli altri, pronta ad essere parte attiva. Nei mesi della tua assenza ho sentito un immenso vuoto, ma in cuor mio speravo in un meraviglioso miracolo. Hai sempre avuto un'attenzione particolare per noi dipendenti: venivamo da te a raccontare delle nostre piccole difficoltà quotidiane per trovare un tramite o un modo per affrontarle. Ti facevi portatrice dei nostri bisogni, coraggiosa nel sottoporli, malgrado i rifiuti, ed eri sempre disponibile ad ascoltare. Sei stata sempre presente con noi dipendenti nelle ricorrenze più importanti: nelle nostre feste di compleanno, ma anche nelle feste per il tuo compleanno, che allietavi portandoci i dolcetti speciali fatti dalla tua adorata mamma. Non sei mai mancata per gli auguri di Natale e nemmeno per i pensionamenti. Eri una di noi. Ad ogni incontro c'era sempre un bel saluto, una battuta scherzosa: come una collega con cui si condivide il quotidiano. Mi raccontavi del tuo grande amore Alberto, della tua numerosa famiglia, dei forti legami con i parenti. Il tuo raccontare aveva un che di bellissimo, perché si esprimeva con le rughe del sorriso e della bellezza. Apprezzavi le piccole cose, amavi i fiori ed il tuo giardino, i tuoi "pensierini" erano attenti e personali, e resteranno per me un ricordo per sempre, e se ci penso ancora oggi mi fanno sorridere con gratitudine.
Chi ti ha conosciuto, sono certa condividerà con me questo ricordo di te.
Le righe di questo pensiero potrebbero allungarsi ancora per molto, ma non renderebbero mai piena giustizia nel descriverti, perché solo chi ha avuto la fortuna di conoscerti, di conoscere la tua semplicità ed autenticità, sa di aver trovato, e purtroppo perso, un enorme tesoro. E trascuro, di proposito, le lotte politiche e gli innumerevoli impegni pubblici che hanno fanno parte del tuo ruolo, e che hai saputo svolgere con un'incomparabile serietà, che spero rimarrà come esempio.
Mancherai tantissimo a molti di noi Giusi, e mancherai tanto soprattutto a me.
Letizia Rao
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco