Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 302.447.333
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/06/2019

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 21 µg/mc
Lecco: v. Sora: 21 µg/mc
Valmadrera: 20 µg/mc
Scritto Sabato 19 gennaio 2019 alle 10:19

Mandic, omicidio premeditato

Il Mandic come Sherwood ma anche stavolta lo sceriffo di Nottingham non passerà

A nessuno permetteremo di uccidere  la sanità a Merate. Non si calpestano diritti e salute dei Meratesi. Perché oggi questo stanno facendo. Oggi è in atto a Merate un esperimento sociale aberrante. La lenta agonia  del Mandic è una manovra vergognosa di questo governo regionale, non dimentichiamolo a trazione leghista, che ogni giorno scientemente sta prosciugando ogni risorsa umana per spegnere fino all'ultimo battito il nostro Ospedale. Ma il cinismo dei numeri e l'avidità aziendale-contabile sola legge mercantile conosciuta al Pirellone, non passerà, non oggi, non a Merate. King Paolo al pari del rinomato sceriffo continua con la sua logica sciocca e ubbidiente a genuflettersi alle regole del suo assessore. Reparto neonatale e Pronto soccorso saranno il nostro Piave, la linea Maginot su cui dovremmo attestarci tutti noi meratesi in difesa di questa bandiera, di questo Ospedale e del suo territorio. E pensare che gli esponenti leghisti meratesi qualche anno fa parlavano di cittadella della salute. Vergognoso oggi il loro silenzio. Anche se non sono stati i soli. Anche questa Amministrazione aveva ripreso e sbandierato quel progetto. Improponibile ogni commento. E che dire da chi proviene dalla sinistra, quella competente. Dobbiamo al Governo Renzi e all'allora ministro Lorenzin  quel funesto DM 11/11/2015 che taglia la testa a numerosissimi punti nascite sul territorio nazionale.... Ma lor signori evidentemente la salute dei cittadini la difendono in segrete stanze ove più è facile barattare prebende per minuscole concessioni. Il M5S non ama il sottobosco, semmai la Piazza. E per questo motivo che abbiamo gia6iniziato uno studio approfondito per affrontare il problema in maniera strutturata valutando anche alternative alla conformazione organizzativa geografica attuale. Affinché sia chiaro da che parte stanno i cittadini meratesi. La battaglia è appena cominciata. Ve lo promettiamo. La faremo tutti assieme.
Merate 5 Stelle
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco