Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 294.022.099
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/03/2019

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Mercoledì 02 gennaio 2019 alle 17:56

Rifiuti: sembra una barzelletta ma non fa ridere i Meratesi

Sembra una barzelletta, ma non fa ridere i Meratesi.

L'assessorato all'Ecologia ogni anno pare divertirsi a mettere in imbarazzo i meratesi stravolgendo il calendario della raccolta dei rifiuti. Lo ha fatto nel 2018 e ci riprova nel 2019. Sia l'anno scorso che quest'anno con l'entrata in vigore del nuovo calendario i disagi si sono presentati puntuali. Questa mattina le nostre strade sono invase da sacchi abbandonati e non ritirati creando una bella discarica a cielo aperto e non certo per colpa di noi meratesi che, ancora una volta, non siamo stati avvisati nei modi e nei tempi opportuni.

Il cumulo di rifiuti quest'oggi in Viale Lombardia

 

Ma andiamo per ordine e ricordiamoci com'è andata partendo da lontano.

Come tutti ci ricordiamo nel Gennaio 2018 entrò in vigore il nuovo calendario per la raccolta separata della carta e cartone. Il nuovo sistema è stato un fiasco perché la maggior parte di noi cittadini venne colta impreparata sul cambiamento per colpa delle pochissime informazioni rilasciate dall'Assessorato competente. Dato che gli incaricati del servizio avevano avuto come indicazioni di essere inflessibili sugli errori e di non ritirare i sacchi non conformi, cioè il 90%, per diverse settimane le nostre strade furono trasformate in un'immensa discarica a cielo aperto. Soltanto dopo le innumerevoli lamentele dei meratesi per una situazione di disagio e cattiva informazione il Comune si era attivato per ritiri straordinari che sicuramente avranno avuto un costo aggiuntivo. Riportiamo il commento che l'Assessore in quei giorni rilasciò ad un importante quotidiano : "in qualche modo ci aspettavamo che sarebbe successo e sappiamo che il calendario non è adeguato alle reali esigenze."

E meno male che lo sapevano. Al contrario non osiamo immaginare come sarebbe andata!

Ma non è finita. Nonostante le tantissime lamentele, siamo stati obbligati a tenere in casa per tutto l'anno 2018 per ben quindici giorni il sacco viola costringendoci a riorganizzare completamente lo spazio nelle nostre case. L'ingombro del ritiro settimanale era la metà e quindi balconi, cantine e box sono stati invasi da pattumiera.

Nonostante la fallimentare passata esperienza non contento l'Assessorato competente ci riprova anche nel 2019 a metterci in difficoltà, questa volta facendola ancora più grossa. Infatti se ci sembra una buona notizia che dal primo gennaio carta e sacco viola verranno ritirati settimanalmente, e ci viene spontaneo chiederci perché c'è voluto un anno intero per prendere questa intelligente soluzione, il calendario viene completamente sconvolto e con lui le nostre abitudini quotidiane.

Forse più che competenze qui ci sono grosse incompetenze. Sarebbe bastato fare un buon calendario già lo scorso anno in modo da non dover avere la necessità di cambiarlo anche quest'anno e impegnarsi per farci avere tutte le informazioni necessarie attraverso la maggior parte di canali a disposizione per renderci cittadini informati e collaborativi. Meno male che a Maggio si sceglierà la nuova Giunta. Non ci rimane che dire "buon voto a tutti" con l'augurio di non dimenticare i gravi errori di questa che è arrivata alla fine del suo mandato.

Elena Calogero M5S
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco