Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 302.411.158
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/06/2019

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 6 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Lunedì 10 dicembre 2018 alle 08:25

L'ex consigliere Riva denuncia: ''93enne per 13 ore in attesa al Pronto soccorso prima di essere ricoverato. Vergognoso''

L'ECCELENZA DELLA SANITA' LOMBARDA

Gent. Ministro della Salute On. Giulia Grillo

Gent. Assessore Regione Lombardia Giulio Gallera
Direzione Sanitaria Lecco dir.sanitarialc@pec.asst-lecco.it

Direzione sanitaria Merate

Organi di stampa




LETTERA APERTA ALL'ASSESSORE ALLA SANITA' DELLA REGIONE LOMBARDIA


Egregio assessore,
le chiedo di farmi sapere se nella civilissima Lombardia, dove si dice che gli ospedali funzionino al meglio, sia possibile che in un Pronto Soccorso una persona anziana di oltre 93 anni resti "parcheggiata" per oltre 13 ore prima di essere ricoverata. Non è un caso di "malasanità" ma un caso di inciviltà e di scarsa umanità: non tocca a me stabilire se siano stati correttamente applicati i "protocolli" (che forse andrebbero tarati non solo sulla gravità stabilita dal triage, ma anche sul paziente anziano o disabile per i quali "forse" si dovrebbe avere una diversa attenzione) o se il personale infermieristico e medico sia sufficientemente preparato ed in numero adeguato per un Pronto Soccorso che deve fare fronte ad una popolazione di oltre centomila abitanti o se gli spazi a disposizione siano adeguati agli utenti. Non voglio la solita letterina in burocratese che l'Azienda Ospedaliera emette ad ogni segnalazione di disservizio, né voglio la messa in stato d'accusa del personale del PS dell'ospedale di Merate ma vorrei che questa segnalazione servisse a monitorare il funzionamento degli ospedali "satelliti" (come penso consideri il nostro nosocomio la Regione Lombardia) i quali, è bene ricordarlo, sono nati e cresciuti con le donazioni dei propri cittadini.
Ma qualche dirigente - che mi risulta essere ben pagato con i nostri soldi - effettua di persona qualche controllo sia di giorno che di notte negli ospedali a lui affidati? Oppure sta comodamente seduto in un mega ufficio ed esamina che i rapporti siano formalmente corretti, che le "carte" siano a posto, che i bilanci "quadrino", che le sostituzioni "si fanno quando si può"? Ma quale Servizio Sanitario ci volete offrire, quale "presa in carico del paziente" ci dite voler essere la vostra proposta? Se fossi maleducato (come mi capita di vedere anche da parte di qualche politico sui social) mi verrebbe da dire che la vostra è una "presa per...."

Merate 07 Dicembre 2018-12-08
Roberto Riva-Merate, figlio del paziente
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco