Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 285.283.484
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/2018

Merate: 33 µg/mc
Lecco: v. Amendola: ND µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Giovedì 06 dicembre 2018 alle 18:21

Il Parco Adda approva il progetto di riqualificare l’alzaia con 250mila € di Fond. Cariplo. Interventi tra Airuno e Robbiate

Probabilmente, i numerosi smottamenti avvenuti negli ultimi mesi lungo l'alzaia dell'Adda, provocati dai forti acquazzoni abbattutisi sul territorio, oltre a rendere evidente un cattivo stato di mantenimento di certe murature e la pavimentazione di alcuni tratti, sono serviti a far prendere provvedimenti concreti.
Pochi giorni fa, infatti, il Parco Adda Nord ha approvato il progetto definitivo-esecutivo in cui si prevedono interventi per 250mila euro che insisteranno principalmente sul tratto compreso tra i Comuni di Airuno e Robbiate, perciò anche sui territori di Calco ed Imbersago (dove per altro è stata impegnata la quota maggiore). La cifra sarà coperta interamente da Fondazione Cariplo.

Il muro crollato ad Imbersago sull'alzaia sul confine con Calco

Due i filoni in cui è suddiviso il progetto, uno minore e uno decisamente più consistente. Il primo, rinominato ''Brezza 2'', riguarda la posa di defibrillatori e kit per la riparazione di biciclette in cinque punti a Olginate (all'incrocio tra via Lungo Lago e via San Rocco), ad Imbersago (sul piazzale di Leonardo), allo Stallazzo di Paderno, al Lavatoio di Trezzo sull'Adda e in via Colognesi a Cassano d'Adda, per un costo di 14mila euro.

Un altro muro crollato ad Imbersago, questo verso Robbiate

L'intervento vero e proprio, tuttavia, è un altro, rientrato nella sezione interventi emblematici maggiori per la Provincia di Lecco della Fondazione Cariplo. I 236mila euro impegnati saranno ripartiti sui quattro Comuni in base alle opere che verranno realizzate, presumibilmente a partire dalla prossima estate. Ad Airuno, dove saranno spesi in tutto oltre 30mila euro, sarà principalmente ricostruito il ponte sul torrente Tolsera.

Altra conseguenza di uno smottamento ad Imbersago

Per quanto riguarda il tratto di Calco, invece, sono previste una serie di opere minori, in particolare alle pavimentazioni, per un totale di 15.592 euro. A Robbiate sarà speso più del doppio: 36.145 euro. Anche qui interventi alla pavimentazione ma soprattutto verranno realizzati alcuni parapetti lungo il percorso per una cifra intorno ai 25mila euro.
Quello di Imbersago è stato però il territorio più martoriato da smottamenti e disagi lungo il percorso dell'alzaia, tant'è che il progetto prevede lavori per 104.422 euro.

A sinistra il ponte sul laghetto di Praela, a destra sulla roggia Garavesa, entrambi a Imbersago

Anche in questo caso, l'opera più costosa consiste nella realizzazione di un parapetto per rendere più sicura il percorso (72.500 euro). Previsti, tra gli altri, interventi sui ponti del laghetto di Praela e della roggia Garavesa.  In questo caso, i lavori arriveranno insieme ad un intervento a costo zero che effettuerà direttamente il Comune.

Il kit per la riparazione delle biciclette

''Per il progetto del Parco è stata aperta la conferenza dei servizi e ci sarà tempo fino al prossimo 13 febbraio per gli enti che vogliono presentare le loro osservazioni'' ha spiegato il sindaco imbersaghese Giovanni Ghislandi.
''Direi che l'intervento di Fondazione Cariplo è stato fondamentale e il lavoro dei progettisti ben fatto. Per quanto ci riguarda, è importante che vengano ripristinati i muri crollati e certi tratti di pavimentazione danneggiata. Parallelamente andremo ad affidare ad un volontario professionalmente attrezzato il taglio delle piante che insistono sulle strisce di proprietà demaniale, quelle che hanno provocato in parecchi casi gli smottamenti. Abbiamo già ottenuto l'autorizzazione del Parco''.

Per visualizzare il quadro economico del progetto di definitivo-esecutivo, CLICCA QUI
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco