Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 283.208.415
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/11/2018

Merate: 14 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 17 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Martedì 06 novembre 2018 alle 10:43

Ponte: è positivo il recente monitoraggio. Ma forse andava chiuso già nel 2015?

Gentile Direttore
Dott. Claudio Brambilla

Leggo con enorme piacere l'articolo pubblicato il 29 ottobre 2018 dal titolo
Ponte: un’azienda che studia fondali marini eseguirà un monitoraggio sul 'San Michele'
a firma A.S.

E' interessante e positivo apprendere che RFI ha commissionato a  Tecno In SPA un nuovo monitoraggio sul Ponte San Michele. 
Cio' significa che RFI sta raccogliendo i dati necessari e propedeutici per procedere alla redazione del Progetto Esecutivo da mettere a gara.
Significa anche che prima di asfaltare e sistemare la parte superiore del Ponte occorre verificare se l'intera  struttura anche dopo l'intervento di "ristrutturazione" sarà in grado di reggere alle sollecitazioni previste dalle Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni 2018 e dalla Legge antisismica passando per la validazione prevista dal Codice Appalti.

Nel frattempo Merate online riporta la notizia della prima «vittima commerciale» della chiusura del ponte San Michele.

Restando in fiduciosa attesa della comunicazione dei dati relativi ai rilievi e ritorno a leggere con molta attenzione il meraviglioso e perfetto articolo a sua firma  pubblicato il giorno Martedì 18 settembre 2018 dal titolo:
"Ponte: sin dal 2015 erano note le condizioni di grave degrado. Lo certifica lo studio di ingegneria edile di ITS Engineering".  

dove Lei espone le risultanze della Perizia effettuata da ITS nel 2015, pagata col denaro dei contribuenti e ripongo le stesse domande alle istituzioni che devono tutelare l'incolumità dei cittadini.

1. Perche' non viene mai citata la Perizia effettuata da ITS nel 2015?
2. Il Ponte andava già chiuso nel 2015?
3. I cittadini hanno attraversato il Ponte in piena sicurezza dal 2015 sino alla data di chiusura del 14 settembre 2018?
4. Quali sono le reali cause della chiusura?
5. Esiste un Progetto Esecutivo per la Ristrutturazione, Restauro e Messa in Sicurezza del Ponte San Michele che le leggi vigenti consentono di finanziare e appaltare ?
6. Se si, quali sono i costi e tempi per l'esecuzione dei lavori?
7. La Regione Lombardia e RFI intendono finanziare e realizzare la nuova linea ferroviaria e il nuovo Ponte carrabile/ferroviario in zona Colnago-Bottanuco come già previsto dal Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Bergamo?

Qualcuno dei rappresentanti dello Stato e degli Enti Locali risponderà mai a queste semplici e precise domande?

Saluti Cordiali.
Un lettore
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco