Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 280.249.624
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 11/10/2018

Merate: 52 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 39 µg/mc
Valmadrera: 38 µg/mc
Scritto Giovedì 11 ottobre 2018 alle 12:53

La Valletta: l'amministrazione Trabucchi non aderisce ad un bando, l'ira dell'ARS

Si può vincere come si può perdere ma in determinate situazioni è quantomeno importante partecipare. Retorica? No. Da società sportiva radicata e apprezzata sul territorio, capace di insegnare ai propri giovani tesserati il valore del mettersi in gioco, l'ARS con uno scritto pubblicato sul proprio sito internet denuncia - l'ennesima - inerzia dell'attuale amministrazione comunale di La Valletta Brianza che, dopo aver perso coesione al proprio interno rischiando - lo scorso anno - di non avere nemmeno i numeri per andare avanti e dopo essersi inimicata buona parte dei commercianti del centro di Rovagnate per le novità che verranno introdotte quando - finalmente - si metterà mano a via Brusadelli, ha tradito anche le aspettative del sodalizio bianco-rosso, dopo aver lasciato a bocca asciutta gli elettori che, a fusione fatta, si immaginavano di veder realizzate le piccole-grandi opere annunciate che invece, per stessa ammissione del sindaco, verranno probabilmente passate a chi verrà poi, sotto forma di progetti definitivi a cui dare però seguito.
Eloquente il titolo scelto dal presidente Colombo per rendere noto ai propri soci la mancata partecipazione del Comune ad un bando che avrebbe potuto portare a La Valletta risorse aggiuntive da investire per migliorare ulteriormente lo Stadio Idealità, gioiello lasciato in eredità dalle amministrazioni Panzeri-Galbusera alla collettività ed affidato alle "amorevoli cure" dell'ARS: "Un'occasione persa!!!!". Cosa è successo? Ecco la versione della società:
UN’OCCASIONE PERSA!!!!

Nella giornata di mercoledì 3 ottobre il presidente ARS Colombo ed i consiglieri
Agostoni e Tamburini hanno incontrato il Sindaco di La Valletta Brianza Trabucchi ed il vicesindaco Cogliati.
Oggetto dell’incontro era la comunicazione relativa alla eventuale partecipazione ad un recente bando di Regione Lombardia.
Il 26 luglio 2018, infatti, Regione Lombardia ha pubblicato un bando avente ad
oggetto l’assegnazione di contributi a fondo perduto per la riqualificazione degli
impianti sportivi di proprietà pubblica.
In un precedente incontro del 15 settembre l’Ars aveva ufficialmente chiesto
all’amministrazione comunale la disponibilità a partecipare a detto bando regionale per lo “Stadio Idealità”: ricordiamo a tutti, infatti, che l’Ars, con l’attività quotidiana dei propri volontari, gestisce, mantiene e valorizza un bene, lo Stadio Idealità, che è un patrimonio economico e sociale di tutta la comunità.
Il progetto dell’ARS prevedeva:
1. la riqualificazione/sistemazione del locale attualmente al rustico denominato
“palestrina” al fine di realizzare un locale polifunzionale utilizzabile sia per attività
motorie e sportive di piccoli gruppi (Yoga, pilates … ecc.) ovvero per
riunioni/incontri di associazioni del territorio, assemblee di condominio … ecc;
2. l’allargamento del campo di calcio ad 11 ed il relativo spostamento dell’impianto
di illuminazione con trasformazione dello stesso ad illuminazione Led;
3. la riqualificazione del campetto di basket adiacente al campo di calcio mediante il rifacimento della superficie di gioco, il rifacimento dell’impianto di illuminazione e la collocazione di una piccola tribuna, costituita da due gradoni, sul lato nord dello stesso.
Un progetto, sicuramente molto impegnativo, che avrebbe richiesto circa €
200.000,00 che sarebbero stati finanziati al 50% mediante il contributo a fondo
perduto di Regione Lombardia ed il restante 50% mediante un contributo
straordinario da parte dell’ARS.
L’Ars aveva garantito, inoltre, all’amministrazione comunale che tutte le attività
tecnico-progettuali per la preparazione dei progetti e della domanda di partecipazione al bando sarebbero state svolte direttamente dall’Ars in modo tale da gravare il meno possibile sull’attività corrente degli uffici comunali.
Solo nell’incontro di mercoledì 3 ottobre l’amministrazione comunale ci ha informato che non è intenzione del Comune di La Valletta Brianza partecipare al succitato bando regionale in quanto le attività che impegnano attualmente l’amministrazione e gli uffici sono molteplici e non vi sarebbe la disponibilità, in termini di risorse umane, per preparare la domanda di partecipazione al bando regionale.
Peccato … perché con i contributi a fondo perduto di Regione Lombardia e dell’ARS il Comune di La Valletta Brianza avrebbe sensibilmente incrementato il valore del proprio patrimonio immobiliare comunale e migliorato il servizio ai propri cittadini senza nessun onere per il comune stesso.
Peccato… perché il Comune di La Valletta Brianza avrebbe avuto ottime possibilità di ricevere il finanziamento regionale grazie ai punti attributi nel bando da Regione
Lombardia ai comuni che sono nati da una fusione di più comuni.
Da parte nostra non possiamo che dire, semplicemente: peccato … un’altra occasione è stata persa!

La Valletta Brianza 09-10-18

Pol ARS Rovagnate asd
Il Presidente
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco