Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 294.124.074
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/03/2019

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Mercoledì 12 settembre 2018 alle 17:31

''Bi-tassa'' illegittima e costosa

Non basta ridurre le accise sulla benzina. Il Governo deve abolire l’applicazione dell’IVA sulle varie imposte ! Una “bi-tassa” illegittima e costosa.
Il sottosegretario all’Economia Massimo Bitonci, della Lega, ha annunciato che il Governo giallo-verde sta lavorando per un taglietto delle accise che gravano sul costo del carburante. Se si farà, non basterà di certo questo piccolo intervento di facile presa, che taglia l’accise che stiamo ancora pagando per la guerra fascista d’Etiopia del lontano 1935-36, per ridurre la rapina che viene praticata con la cosiddetta bi-tassa, ossia l’odiosa applicazione dell’IVA su tasse e imposte che gravano non solo sul carburante, ma anche sulle bollette dell’acqua e dell’energia, per fare altri due esempi. Applicare l’IVA non solo sul costo netto dei servizi e prodotti, ma anche su altre imposte e tasse, è un modo illegale e ripugnante di rapinare i consumatori. Che l’applicazione dell’IVA sulle imposte e tasse sia un’illegittimità non lo andiamo denunciando da anni solo noi e molte altre organizzazioni dei consumatori e non solo, ma anche le sezioni unite della Corte di Cassazione con la sentenza n. 3671 del 1997 e anche la Corte Costituzionale allorquando ha riconosciuto con sentenza n. 238 del 2009 l’inapplicabilità dell’IVA sulla tassa rifiuti. Uno scippo quello dell’Iva sulle imposte che supera, secondo i calcoli della Federconsumatori, oltre 1.000,00 euro l’anno. Altro che piccoli tagli dell’anacronistica accisa per la guerra di Etiopia di ottant’anni fa e altro che flat tax, che andrà solo a regalare risorse ai ricconi, che già pagano troppo poco (nel 1972 l’aliquota massima fiscale era del 72%, mentre oggi è al 43%: un 29% già regalato ai ricchi). Il sottosegretario all’Economia Massimo Bitonci e la sua compagnia dispongano subito, senza twitter e senza la solita caciara, un concreto ed immediato decreto per fa sì che l’IVA venga applicata solo sul prodotto netto.
Lecco, 11 settembre 2018

MALA TEMPORA CURRUNT: apprendiamo ora che sabato 8 settembre l’attrice Ottavia Piccolo è stata fermata dalla polizia perchè portava al collo un fazzoletto dell’Anpi. Ottavia Piccolo ha partecipato prima della premiazione del “Leone d’Oro” al festival del cinema di Venezia ad un presidio contro gli infortuni e la precarietà del lavoro portando al collo un fazzoletto dell’Anpi. Per questo è stata fermata dalla polizia. Esprimiamo ad Ottavia Piccolo tutta la nostra solidarietà accompagnata da una risposta umana e democratica: ora e sempre Resistenza !
Per coordinamento provinciale SINISTRA LAVORO - Luigi Vavassori
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco