Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 296.854.724
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 17/04/2019

Merate: 28 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 16 µg/mc
Scritto Sabato 04 agosto 2018 alle 10:54

Revisione ambiti ATS Brianza

Segnalazione a Regione Lombardia dei Rappresentanti degli Enti Locali di ATS Brianza e Distretto di Vimercate in merito alla revisione dei territori delle ASST di Monza Brianza.

Il 30 luglio la presidente Molteni della Conferenza dei Sindaci ATS Brianza ha incontrato i rappresentanti dei comuni del distretto di Vimercate. Il tema è quello dei problemi legati all'accesso ai servizi sanitari da parte dei cittadini, dovuti alla definizione dei confini territoriali delle ASST, con la riforma sanitaria Lombarda del 2015. L'incontro ha coinvolto la vice presidente del distretto Del Campo, la Presidente dell'ambito di Carate Monguzzi, la Presidente ambito di Vimercate Loukiainen, il sindaco Rossi e l'assessore Capelli di Seregno. L'obiettivo è approfondire i problemi legati ai servizi garantiti nei presidi sanitari dell'ASST di Vimercate: ospedali e sedi territoriali del distretto di riferimento. Si intende, in quanto rappresentanti delle necessità dei cittadini residenti nell'ampio territorio, far presente a Regione Lombardia i problemi che si sono creati dall'avvio della ridefinizione del territorio dopo la riforma sanitaria, che ha diviso la provincia in due aree afferenti alle ASST di Monza (ospedali di Monza e Desio) e ASST di Vimercate (ospedali di Vimercate, Carate, Seregno e Giussano). I Sindaci, in qualità di primi responsabili della salute dei cittadini, e soprattutto per il ruolo affidato alla Conferenza dei Sindaci di esprimere pareri sulla programmazione sanitaria, in questi anni hanno promosso - di concerto con l'ATS - soluzioni per garantire ai cittadini accesso ai servizi e continuità di cura, attraverso specifici accordi tra le ASST di Vimercate e di Monza. Ora, in questa fase di possibile revisione di alcuni contenuti della riforma sanitaria lombarda e dell'assetto dei territori di ATS e ASST, anticipata da articoli apparsi sui giornali, è l'occasione per un'azione precisa e puntuale dei rappresentanti locali per segnalare gli esiti della riorganizzazione prodotti dalla riorganizzazione dei territori delle ASST.

La ridefinizione ha messo in crisi una parte del territorio ed in particolare il Distretto di Vimercate: il più esteso e popoloso della ATS, conta infatti 45 comuni con una popolazione che supera i 500.000 abitanti. L' assetto contenuto nella riforma sanitaria regionale approvata nel 2015 ha imposto una divisione della Brianza che ha penalizzato i cittadini residenti nei comuni degli ambiti di Carate (13 comuni) e Seregno (10 comuni), che si trovano distanti dall'ospedale di riferimento (Vimercate), e inviati presso l'ospedale principale per accertamenti e prese in carico e non solo per le acuzie. Mentre storicamente facevano riferimento agli ospedali di Desio e Monza; oltre a quello di Carate che rimane un presidio importante per la parte centrale del distretto e parte della azienda di Vimercate. Al fine di facilitare la ricerca di soluzioni efficaci, verranno raccolti dati a supporto delle difficoltà e dei problemi riscontrati nell'attuazione della riorganizzazione territoriale dei servizi sanitari. Verrà anche analizzato l'impatto e l'effettiva attuazione degli accordi tra le ASST della provincia di Monza per garantire alcuni servizi e a tutela di alcune fasce di fragilità. Risultato ottenuto con grande fatica e generando incertezza sia tra i medici che tra i pazienti. Nei giorni scorsi è stata inviata una lettera al Presidente Fontana, all'Assessore Gallera e Direttore Generale Caiazzo, nonché al Presidente del Consiglio Regionale Fermi e della Commissione Sanità Monti che cita : "La nostra preoccupazione quindi si rivolge affinché venga salvaguardata la continuità di cura per i servizi socio-sanitari e le patologie croniche evitando inutili spostamenti e interruzioni di presa in carico sanitaria, spostando il carico della riorganizzazione sulle famiglie e sui servizi sociali comunali. Riteniamo si stia verificando una risposta insufficiente ed inadeguata per i cittadini residenti nei territori degli ambiti di Seregno e Carate. A questo aggiungiamo l'assistere all'impoverimento del ruolo del presidio di Desio venuto meno come ospedale di riferimento nel territorio. Ribadiamo la necessità che sia mantenuto e potenziato un ruolo attivo degli amministratori locali, non solo nella funzione programmatoria, ma anche di indirizzo dei servizi erogati dalle ASST, perché fortemente interessati a presidiare la realizzazione degli stessi a beneficio della cittadinanza e a tutela degli interessi collettivi. Riteniamo di dover segnalare che gli attuali confini delle due ASST di Monza e Vimercate non rispondano alle esigenze dei cittadini del territorio costretti a spostamenti verso il presidio di Vimercate e non inviati ai servizi più prossimi che fanno riferimento alla ASST di Monza. E' necessaria una risposta puntuale ed efficace che riduca i problemi creati dalla riorganizzazione e si potrebbe ipotizzare una gestione dei servizi erogati attraverso accordi specifici tra le ASST e definiti da Regione Lombardia attraverso un ruolo chiave di ATS." I rappresentanti del territorio chiedono, per ora, un incontro all'Assessore competente Giulio Gallera per illustrare la situazione del territorio della ATS Brianza, in attesa di un possibile iter in Commissione Servizi Sociali e Sanità di Regione Lombardia.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco