Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 271.681.740
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/07/2018

Merate: ND µg/mc
Lecco: v. Amendola: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 16 µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Martedì 10 luglio 2018 alle 19:25

Merate: un’ideona inedita dietro l’hashtag del giovane Narciso

Giuseppe Procopio
Dai diciamolo, per il buon umore della città dobbiamo augurare lunga vita al vice sindaco Giuseppe Procopio. Il giovanotto, non pago di imperversare sui social con annunci roboanti e foto drammatiche, ora lancia nientemeno che un sondaggio tra i cittadini sul tema: il Municipio in villa Confalonieri e la biblioteca in piazza degli Eroi. Cazzo che ideona, a chi poteva venire in mente se non a una testa fine come la sua? Dai Beppe, questa volta hai battuto tutti sul tempo, il premio al consigliere più acuto, fantasioso e intuitivo, dell'anno te lo sei meritato. In fondo per una bella foto sul giornale si può anche sfiorare il ridicolo e rimediare una figura di palta.

Riavvolgiamo il nastro e vediamo come stanno le cose: Consiglio comunale di martedì 19 dicembre, all'ordine del giorno il documento unico di programmazione 2018-2020 e mozione della Lega datata 15 dicembre proprio su Villa Confalonieri. Panzeri e Robbiani chiedono di introdurre nel documento di programmazione un progetto per il restauro della Villa dato che tale progetto faceva parte del contratto elettorale di Più Merate ma al momento nulla è stato realizzato e la consigliatura ormai volge al termine. Dibattito aspro tra Massironi e Robbiani. Poi prende la parola il capogruppo di maggioranza nonché sodale di Procopio, Alfredo Casaletto: "Non ci sono soldi per intervenire sulla villa e non ha senso avviare un progetto privo poi di risorse per attuarlo. Se anche la prossima amministrazione metterà nel proprio programma e poi nel DUP interventi sulla villa non riuscirà mai a farli per mancanza di fondi".

All'appello risultava presente anche l'assessore Procopio che forse, si era abbioccato durante l'intervento del suo capogruppo. Ignaro delle parole dell'amico e smanioso di far sorridere la città il Beppe ha lanciato l'hashtag "RimettiamoIlComuneInComune". Formidabile. Bestiale. Che uomo. Che genio. Cosa si può aggiungere senza rischiare un querela?

Ora, non ci è chiaro se l'uscita in modalità rave party ("...una botta di cultura e giovani in piazza...") sia l'ennesimo scivolone di un malato di protagonismo o un indiretto attacco al sindaco Massironi che gestisce la cassa pubblica e a Casaletto. Ci sentiamo però di escludere la manovra politica, perché, nonostante sia così raffazzonata e terra terra, non è nelle corde dell'assessore ai lavori pubblici. Siamo propensi a credere che il giovanotto viva l'apotesi della sindrome di Narciso.

Prima che finisca nel fiume per unirsi in un amplesso con la propria immagine riflessa, i suoi amici gli forniscano, a sua insaputa, qualche dose di bromuro. Magari stemperata in un Moscow mule o in un Cuba Libre.

Claudio Brambilla
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco