Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 274.128.642
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 12/08/2018

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 15 µg/mc
Lecco: v. Sora: ND µg/mc
Valmadrera: 18 µg/mc
Scritto Mercoledì 13 giugno 2018 alle 16:43

GDF PALERMO: CONFISCATI BENI AI FRATELLI GRAVIANO PER OLTRE 10 MILIONI DI EURO

I finanzieri del Nucle o di Polizia Economico - Finanziaria di Palermo hanno eseguito i l provvedimento di confisca emess o dal Tribunale di Palermo - Sezione Misure di Prevenzione , nei confronti di aziende, quote societarie ed immobili , nella disponibilità dei fratelli GRAVIANO , per un valore complessivo di oltre 10 milioni di euro . L’attività scaturisce dal la proposta di applicazione di misure di prevenzione avanzata dalla Procura della Repubblica di Palermo – Sezione Misure di Prevenzione , nei confronti de i membri della storica “famiglia mafiosa” reggente del mandamento “ Brancaccio ” di Palermo . Benedetto GRAVIANO ( cl. 1958 ) , figlio di Miche le e primo di quattro fratelli, Filippo ( cl. 19 61 ), Giuseppe ( cl. 19 63 ) e Nunzia ( cl. 196 8), sono i componenti più noti della famiglia per essere stati i mandanti dell'omicidio di Padre Pino Puglisi e, in particolare Filippo e Giuseppe, tra i respons abili delle stragi di Capaci e via D’Amelio, in cui persero la vita i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino unitamente ai poliziotti di scorta . Per tali fatti e per la loro appartenenza alle cosche Filippo e Giuseppe sono stati condanna ti all a pena dell’ ergastolo , mentre Benedetto e Nunzia hanno scontato pene detentive in carcere per il reato di associazione mafiosa. Le indagini , svolte dalle Fiamme Gialle e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo , hanno permesso di evidenziare l'infiltrazione della criminalità organizzata in settori strategici del tessuto economico cittadino , realizzata mediante la gestione di attività operanti nei settori delle scommesse, della ristorazione, della rivendita di tabacchi e della vendita al dettaglio di carburante. E’ proprio in quest’ultimo settore che i fratelli GRAVIANO av evano investito ingenti capitali, acquisendo, sin dai primi anni '90, aree di servizio di rilevanti dimensioni ubicate in posizioni strategiche nei pressi dell'ingresso autostradale del capoluogo siciliano. G li accertamenti economico - patrimoniali svolti dal G . I . C . O . del Nucleo di Polizia Economico - Finanziaria di Palermo nell’ambito del procedimento per l’applicazione di misure di prevenzione, han no dimostrat o una ingente sperequazione fra redditi leciti, patrimoni accumulati ed investimenti effettuati da i proposti , i quali sovente si erano avvalsi di prestanome . Pertanto , è stata applicat a a i fratelli Benedetto, Filippo e Giuseppe GRAVIANO la misura patrimoniale del la confisca , in particolar e di:
- n. 0 3 distributori di carburante ;
- n. 0 2 ditte individuali, di cui una avente ad oggetto una rivendita di tabacchi e l’altra un parcheggio ;
- n. 1 0 immobili tra villini, appartamenti e terreni .
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco