Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 269.359.275
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/06/2018

Merate: ND µg/mc
Lecco: v. Amendola: 20 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 23 µg/mc
Scritto Mercoledì 13 giugno 2018 alle 09:18

Case di Riposo e RSD: la Regione 'impone' la videosorveglianza interna

Mauro Piazza
Tutelare la sicurezza e il benessere dei tanti anziani e disabili ricoverati all’interno delle residenze sanitarie della Lombardia. E’ con questo spirito che i consiglieri regionali del gruppo di Forza Italia hanno presentato una mozione dove si invita la Giunta regionale- tra i requisiti indispensabili per ottenere l’accreditamento con Regione Lombardia - la dotazione di impianti di videosorveglianza interna, per il monitoraggio e la prevenzione da azioni lesive della dignità di ospiti e operatori.
La mozione approvata oggi in Consiglio, prevede che le strutture già accreditate dovranno quindi adeguarsi entro e non oltre i 12 mesi dall’entrata in vigore dei nuovi requisiti, le cui linee guida saranno concordate con tutti i soggetti interessati, attraverso la promozione di un tavolo di lavoro.
I costi relativi all’installazione delle telecamere saranno in buona parte coperti da un adeguato stanziamento di Regione Lombardia, che chiude un percorso avviato lo scorso anno con la legge regionale n.2/2017.
Soddisfatto Mauro Piazza, Consigliere regionale di Forza Italia: “Si tratta di una misura di assoluto buonsenso, a tutela degli ospiti, dei familiari delle vittime, dirigenti e dipendenti delle strutture, volta a contrastare il ripetersi di episodi violenti ai danni delle categorie più fragili. Da liberali - prosegue il Consigliere - non imponiamo niente a nessuno. Le singole strutture avranno il diritto di scegliere se installare o meno le telecamere in alcuni luoghi sensibili. Detto questo, chi non si adeguerà, perderà però i contributi regionali. Dubito che qualcuno sarà disposto a rinunciarvi”.
“Troppo spesso assistiamo impotenti al verificarsi di azioni tremende ai danni di persone inermi. E’ nostro dovere – conclude Piazza - sostenere con ogni mezzo i familiari delle vittime, che non possono essere lasciati soli a combattere questa battaglia. In virtù di ciò, durante la prossima seduta di consiglio presenteremo una seconda mozione per dotare di videosorveglianza anche i tanti asili nido della Lombardia.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco