Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 279.854.094
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 11/10/2018

Merate: 52 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 39 µg/mc
Valmadrera: 38 µg/mc
Scritto Mercoledì 16 maggio 2018 alle 14:57

Montevecchia: un nuovo regolamento per l'uso della sala civica. Sì all'ampliamento del Parco

Nuove tariffe per l'utilizzo della Sala civica, in via del Fontanile a Montevecchia. Il Regolamento comunale va a sostituire quello datato 1993 e recepisce la rideterminazione delle tariffe approvata lo scorso marzo dalla Giunta. L'idea di base è di rendere usufruibile alla cittadinanza un luogo pubblico non solo per le attività organizzate o promosse dall'amministrazione. Per evitare che rimanga uno spazio inutilizzato, è stato applicato un diverso tabellario. Soli 5 euro per cinque ore di utilizzo dalle 8.00 alle 19.00 per i privati cittadini. In pratica, un mero rimborso delle spese vive a carico del Comune. La Sala civica potrebbe ospitare così attività professionali che, magari ancora in stato di avvio, hanno bisogno di un luogo fisico dove strutturare i propri progetti. Ci sono anche dei limiti posti sul numero di prenotazioni all'anno (massimo 10) e sulla tipologia delle iniziative consentite. Le associazioni socioculturali iscritte nel Registro comunale delle associazioni sono soggetti al pagamento di 11 euro, così come i partiti politici. Per i privati cittadini, in occasione di assemblea, riunioni e dibattiti in orario serale il costo ad utilizzo è di 30 euro. «Quel luogo è una risorsa che deve essere sfruttata di più per il paese» ha dichiarato il sindaco Franco Carminati in fase di approvazione del Regolamento in Consiglio comunale, martedì 15 maggio. È passato all'unanimità.


Altro Regolamento modificato è quello sulla privacy, primo passo verso il recepimento completo del GDPR (General Data Protection Regulation), un regolamento europeo per la tutela dei dati personali che entra in vigore il 25 maggio. Gli Enti locali, con un certo ritardo si stanno adeguando. Anci ha redatto l'atto che è stato poi votato in Consiglio comunale. Si è astenuto Luigi Sala. Il primo cittadino ha annunciato che nella prossima seduta si delibererà il Regolamento sulla gestione delle strutture sportive. In aula è stata approvata la convenzione di tre anni con la Stazione Unica Appaltante della Provincia di Lecco, sia per rispettare la legge sia per sgravare gli uffici dal peso della gestione di gare di appalto complesse, superiori a 150 mila euro per opere pubbliche e 40 mila euro per forniture e servizi. La quota fissa per Montevecchia è di 300 euro all'anno. La prossima procedura che Montevecchia affiderà alla SUAP è quella per gli infissi delle scuole. Il comune si è poi espresso a favore sulla proposta di ampliamento del Parco del Curone nei territori del PLIS, nei Comuni di Olgiate Molgora, Airuno e Valgreghentino. Per il sindaco questo atto va nella direzione della strategia regionale di aggregazione dei Parchi. Inizialmente dovevano essere sei i Comuni ad entrare nel Curone, ma quelli posizionati più a nord si sono tirati indietro. «Soprattutto i paesi che hanno lavorato più assiduamente volevano che non si buttasse via tutto il lavoro svolto. Sarebbe stato un delitto buttare così tanto lavoro. Abbiamo preferito consolidarlo» ha dichiarato il borgomastro. Su questo punto si è astenuto Luigi Sala. Il Consiglio ha approvato il rendiconto riferito all'esercizio 2017, da cui emerge un avanzo di 840 mila euro, di cui 304 mila disponibili. Al termine Carminati ha comunicato che sono iniziati i lavori di ripristino a scopo agricolo dei terreni dell'azienda agricola Ghezzi, grazie alla collaborazione tra privato, amministrazione comunale e Parco di Montevecchia. In questi giorni si sta provvedendo a piantare 600 viti e 200 ulivi. «Sono molto contento. È un'operazione enorme, un lavoro pazzesco partito molto prima del nostro arrivo». Un segnale importante, a cui dovrebbero seguire nei prossimi tempi altri interventi simili sui versanti ovest e sud della collina.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco