Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 285.446.955
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/2018

Merate: 33 µg/mc
Lecco: v. Amendola: ND µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Lunedì 12 marzo 2018 alle 12:31

Lomagna: 80 orti famigliari, 14 cittadini in lista di attesa. Si risparmia e si ''socializza''

Sono stati assegnati sette nuovi orti familiari a Lomagna. Cinque terreni si sono liberati a seguito di rinuncia e due residenti hanno preferito sostituire il proprio. Gli appezzamenti messi a disposizione sono situati in via del Roccolo (una decina) e in via Papa Giovanni XXIII (ben 68). Tra questi c'è anche quello assegnato alla scuola primaria, che lo utilizza per il progetto "Esperienza di giardinaggio e coltivazione di un orto a scuola". Quello del plesso "Alessandro Volta" è l'unico esonerato dal versamento di 20 euro all'anno, come invece sono tenuti gli altri locatari. In totale il Comune incasserà così 1.540 euro. Prima dell'assegnazione, in lista di attesa c'erano ben 14 persone. Nella scelta dell'assegnatario si premia chi è in età pensionabile e chi abita in condominio o che comunque non possiede un terreno coltivabile. Conta anche l'ordine cronologico di invio della richiesta. Tra l'ottantina di questi appezzamenti e relativi assegnatari, si trova che per gli orti di Via Giovanni XXIII, sei sono coltivati da stranieri mentre in Via del Roccolo su un totale di 10 ben sei sono stati affidati a cittadini stranieri. A fronte di esborsi minimi, l'orto rappresenta una fonte di sostentamento dove poter coltivare frutta e verdura, risparmiando dunque sugli acquisti in negozio, un modo per avere cibo "a km zero" e perfettamente naturale e infine un'occasione di socialità e di incontro tra "coltivatori".
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco