Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 285.445.738
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/2018

Merate: 33 µg/mc
Lecco: v. Amendola: ND µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Lunedì 19 febbraio 2018 alle 12:44

Spazi finanziari:nel lecchese concessi oltre 10 milioni di euro. Montevecchia, Calco e Paderno sistemano i plessi scolastici

Sono 37 i Comuni della Provincia di Lecco che per il 2018 potranno spendere complessivamente oltre 10.117.000 euro del loro avanzo di bilancio a copertura di progetti di interventi sul territorio. Molte Amministrazioni hanno puntato sull’edilizia scolastica (in parecchi casi si guarda soprattutto alla sicurezza dei plessi), ma poi ognuno dei paesi ha le proprie necessità. Sono soldi ottenuti attraverso gli spazi finanziari concessi dal Ministero dell’Economia a chi entro lo scorso 22 gennaio aveva presentato uno o più progetti. Le Amministrazioni avranno 10 mesi per indirizzare i vari importi, cioè prima che finisca quest’anno. In Provincia, svetta Valmadrera, città alla quale sono stati concessi spazi per investimenti fino ad 1.024.000 euro. Nel Casatese è Barzanò ad avere più margini (664.000 euro), mentre nel Meratese sarà Merate, con 990mila euro di spazi richiesti ed ottenuti. Di seguito entriamo nel dettaglio di quello che le varie Amministrazioni comunali intendono fare con le somme che sono riusciti a svincolare dagli equilibri della finanza pubblica.


MERATESE

I sindaci Andrea Massironi (Merate), Franco Carminati (Montevecchia), Stefano Motta (Calco),
Alessandro Origo (Verderio), Renzo Rotta (Paderno) e Efrem Brambilla (Santa Maria Hoè)


MERATE: Altri interventi: 990.000 euro
Il comune di Merate è stato autorizzato alla spesa delle proprie risorse per 990.000 € al fine di costruire la nuova palestra all'interno del collegio Alessandro Manzoni per le scuole medie e le associazioni sportive. Si tratta di un edificio usato quotidianamente e che ora è arrivato a fine corsa, non più adeguato alle esigenze della città che se ne serve sia per il plesso scolastico che per le squadre che, a turno, vi si allenano o disputato le competizioni.

MONTEVECCHIA: Edilizia scolastica: 270.000 euro
''Siamo molto contenti, ma da qui a realizzare tutto quello che abbiamo in mente c’è molto lavoro da fare''. Tanto lavoro da sbrigare in meno di un anno. Ne è ben consapevole il sindaco di Montevecchia Franco Carminati, che ha subito tenuto a chiarire questo aspetto. I 270mila euro svincolati saranno utilizzati dall’Amministrazione montevecchina per sostituire gli infissi del polo scolastico di via Fontanile.

Le scuole di Calco

CALCO: Edilizia scolastica: 435.000 euro
Proseguiranno a Calco gli interventi relativi alle scuole primarie e alla scuola media. ''Questi 435mila euro andremo ad aggiungerli ai circa 600mila euro spesi per le scuole negli ultimi due anni – ha commentato il primo cittadino Stefano Motta – Superiamo quindi un milione di investimenti. Prima ci siamo occupati degli interventi più necessari: abbiamo rifatto tutti gli impianti termici, l’impianto elettrico, sistemato i corpi illuminanti. Abbiamo poi fatto una parte consistente della controsoffittatura antisfondamento, per la messa in sicurezza della pavimentazione. Abbiamo rifatto tutti i serramenti alla primaria, mentre per entrambi i plessi cambiato gli elementi di riscaldamento. Ora passeremo alla parte della sicurezza. Con le procedure relative ai certificati di prevenzioni incendi, che prevede il rifacimento delle scale di sicurezza esterne. Metteremo mano poi alla parte esterna degli edifici, intervenendo in primis sulla pavimentazione''.

VERDERIO: Altri interventi: 832.000 euro
Diversi gli interventi previsti dall’Amministrazione comunale di Verderio. ''Circa 333mila euro saranno investiti per l’asfaltatura delle strade – ha commentato il sindaco Alessandro Origo – Ci sono diversi interventi da fare. Altri 350mila euro li utilizzeremo per l’acquisizione di un immobile vicino al Comune, che sarà successivamente ristrutturato con parte di questa somma. Questi sono i due interventi più corposi, siamo già a 680mila euro. Poco più della metà dei 107mila euro previsti per intervenire sull’area mercato saranno coperti con questi spazi. Dovremo realizzare all’ingresso del parco di Villa Gallavresi dei servizi igienici. Una parte, circa 20mila euro, verranno poi utilizzati per la ristrutturazione della fontana del Parco Nettuno.

PADERNO: Altri interventi: 315.000 euro
Tre gli interventi previsti a Paderno con gli spazi finanziari concessi dal Ministero. Per la riqualifica della palestra del centro sportivo di via Airoldi sarà investita la fetta maggiore dei 315mila euro di avanzo che sono stati sbloccati. ''Il tetto, l’impianto di riscaldamento e l’illuminazione sono abbastanza datati – ha commentato il sindaco Renzo Rotta – Spenderemo più di 100mila euro per sistemarli. Procederemo poi con un piano di asfaltature sia delle strade che dei marciapiedi. Poi dovremo attuare un intervento alla scuola primaria dove è necessario sistemare i pavimenti in linoleum. Anche in questo caso la copertura è datata, in alcuni punti la pavimentazione si buca facilmente con le sede e i banchi diventando un ricettacolo di sporco e polvere''. Entro l’anno l’Amministrazione padernese dovrà spendere la somma, che va ad aggiungersi, sostanzialmente, ai 237mila euro di spazi finanziari che erano stati richiesti per il 2017 e che erano serviti per coprire i lavori al tetto del Municipio e il rifacimento di via Marconi, lavori che si concluderanno entro la primavera.

SANTA MARIA HOE’: Altri interventi: 183.000
I soldi sbloccati saranno utilizzati dall’amministrazione guidata dal sindaco Efrem Brambilla per la sistemazione della frana di Hoè Superiore. Verrà consolidato il versante e verrà migliorato il drenaggio delle acque meteoriche tramite nuove linee di incanalamento, il rifacimento dei sottoservizi e la costruzione di una nuova strada.

LECCHESE

Antonio Rusconi (assessore al bilancio di Valmadrera), Giuseppe Conti (Garlate), Benedetto Negri (Galbiate) e Monica Gilardi (Colico)


VALMADRERA: 1.024.000 euro
Edilizia scolastica: 510.000 euro
Altri interventi: 514.000 euro

Valmadrera, come detto, è il Comune che potrà spendere di più. ''Vorrei premettere che lo scorso 30 aprile abbiamo chiuso il consuntivo con 8 milioni di avanzo – ha commentato Antonio Rusconi, assessore al bilancio del Comune – Con questo 'permesso' possiamo spendere un milione e rotti, ma vorrei fosse chiaro che si tratta di soldi nostri''. Rusconi ha annunciato che i 510mila euro a disposizione per l’edilizia scolastica saranno spalmati su diversi interventi: 90mila euro sul piano di prevenzione incendi per la primaria ''Leopardi'' e almeno 320mila euro per il parcheggio della scuola materna ''Collodi''. ''Per quanto riguarda gli altri interventi – ha quindi concluso – procederemo con la riqualificazione di piazza Fontana, più o meno 230mila euro di intervento, e la risistemazione della regimentazione idraulica dei torrenti Sant’Antonio e Rosé, andando a spendere 206mila euro''.

GARLATE: Impiantistica sportiva: 110.000 euro
Il sindaco Giuseppe Conti ha spiegato che i 110mila euro relativi all’impiantistica sportiva saranno utilizzati per la sistemazione del parcheggio della palestra comunale in via Puncia. ''E’ l’ultimo intervento che ci resta per sistemare definitivamente quella palestra'', ha commentato Conti.

GALBIATE: Edilizia scolastica: 265.000 euro
A Galbiate verrà effettuato un intervento alla scuola media ''Papa Giovanni XXIII'' di via Unità d’Italia per sostituire gli infissi dell’edificio. I 265mila euro che il Comune potrà liberare dall’avanzo di amministrazione, ha riferito il sindaco Benedetto Negri, verranno utilizzati per coprire l’intero importo dell’opera.

Il cantiere del campus scolastico a Colico


COLICO: Edilizia scolastica: 959.000 euro
''È con grande orgoglio che diamo notizia alla cittadinanza del rientro a Colico di altri 959mila euro. Nonostante le ormai innegabili mancanze iniziali, la nostra amministrazione sta lavorando per completare il nuovo Campus scolastico Sacro Cuore''. Questo è quanto ha commentato il sindaco di Colico Monica Gilardi, annunciando appunto che la somma svincolata dall’avanzo di amministrazione sarà utilizzata per l’ambizioso progetto di recupero e ampliamento dell’ex collegio. Queste nuove risorse serviranno per finanziare le opere di completamento della sistemazione esterna (che non era inizialmente prevista), opere legate alla viabilità e anche per gli arredi. Negli ultimi mesi è stato completato il tetto danneggiato della struttura già esistente, mentre in questo momento sono in corso i lavori relativi all'impiantistica e agli intonaci interni. ''La fine dei lavoro è prevista per agosto 2018. Per il trasferimento del polo scolastico G. Galilei, invece, ci vorrà settembre 2019'' ha aggiunto Gilardi. La struttura dell’ex collegio si trova nel centro della cittadina in una posizione centrale rispetto alle varie frazioni e località del comune. L’edificio fu edificato dai Padri della Congregazione dei preti del Sacro Cuore di Gesù di Bètharram nel 1931, ma nel 1955 il seminario venne trasferito ad Albavilla, in provincia di Como. L’area fu così adibita a collegio e poi acquistata dal comune di Colico nel 2005 per delocalizzare la scuola primaria e secondaria di primo grado.  Il progetto, approvato il 12 settembre 2015, prevede il restauro del palazzo  storico dell’ex collegio, una palestra e due nuovi edifici per la scuola primaria e secondaria, che saranno provviste anche di laboratori.

CASATESE - OGGIONESE

Sopra i sindaci Giancarlo Aldeghi (Barzanò), Roberto Ferrari (Oggiono), Luca Rigamonti (Monticello), Paolo Lanfranchi (Dolzago).
Sotto Marco Manzoni (Colle Brianza), Antonio Martone (Rogeno) e Filipp Galbiati (Casatenovo)


BARZANO’: 664.000 euro
Edilizia scolastica: 98.000 euro
Impiantistica sportiva: 177.000 euro

Altri interventi: 389.000 euro
Il grosso della somma servirà per ultimare la progettazione per la ristrutturazione di due edifici: l’ex scuola elementare  di via XX Settembre, e la ex casa del fascio di Via Sirtori. ''In entrambi i casi concluderemo la progettazione preliminare e definitiva per ristrutturare queste due strutture del Comune – ha spiegato il sindaco di Barzanò, Giancarlo Aldeghi – L’avanzo destinato alle nostre scuole sarà utilizzato per la messa in sicurezza degli impianti antincendio. Con i 177mila sbloccati nel capitolo dell’impiantistica sportiva, invece, interverremo sul parco Mézières. Sistemeremo il campo da basket e la pista di atletica''.
L'intenzione della giunta Aldeghi è quella di riportare l'ex casa del fascio alla destinazione originaria di cinema, teatro e auditorium, rispettandone rigorosamente la storia e la vocazione pubblica. Il secondo obiettivo è quello di trasferire gli uffici comunali e la biblioteca presso le vecchie scuole elementari, al fine di riscoprirne la centralità e la funzione pubblica.

L'ex casa del fascio e l'ex scuola elementare di Barzano'


CASATENOVO: Altri interventi: 250.000 euro
Come ha spiegato il sindaco Filippo Galbiati, il grosso delle risorse ''liberate'' serviranno per alcuni progetti relativi ad asfaltature di arterie comunali (190mila euro), mentre la restante parte sarà utilizzata per finanziare gli incarichi esterni per alcune progettazioni nell'ambito della mobilità dolce (marciapiedi, piste ciclopedonali etc).

OGGIONO: 327.000 euro
Edilizia scolastica: 50.000 euro
Impiantistica sportiva: 250.000 euro
Altri interventi: 27.000 euro

L’Amministrazione di Oggiono porterà a termine il capitolo di risanamento delle facciate delle scuole medie di via Vittorio Veneto, con i 50mila euro disponibili per l’edilizia scolastica. ''L’intervento più consistente riguarderà il nostro impianto sportivo comunale – ha commentato il sindaco Roberto Paolo Ferrari – In particolare sistemeremo la pista di atletica, che è utilizzata da tutti i cittadini, le scuole e le associazioni sportive. Si tratta di un secondo tentativo che facciamo, visto che pur essendoci classificati in graduatoria in un cofinanziamento con Regione Lombardia, non eravamo riusciti a raggiungere l’importo. Anche se è un periodo di ristrettezze economiche, l’Amministrazione ha voluto puntare su questa opera perché crede che la pratica sportiva sia fondamentale, su tutti i fronti''. I 27mila euro al capitolo ''altri interventi'', ha quindi aggiunto Ferrari, saranno utilizzati per attività di progettazione.

MONTICELLO: Edilizia scolastica: 231mila euro
Come già annunciato dall’amministrazione guidata dal sindaco Luca Rigamonti, la somma “sbloccata” dal governo verrà utilizzata per il finanziamento della nuova copertura della palestra della scuola media in via Diaz. Un'opera resasi necessaria per arginare le problematiche di infiltrazione di acqua che affliggono da tempo il tetto dell'edificio scolastico, utilizzato anche dai numerosi iscritti della locale Polisportiva. L'obiettivo è quello di realizzare l'opera entro il 2019.

Il campo sportivo di Dolzago


DOLZAGO: Altri interventi: 550.000 euro
Più di mezzo milione di euro per Dolzago, tutti ottenuti alla voce ''altri interventi''. Il sindaco Paolo Lanfranchi al momento ha spiegato che le opere in cantiere sono parecchie, ma ancora l’Amministrazione sta valutando dove investire quei soldi. ''Potremmo occuparci di una parziale riqualificazione del centro sportivo – ha commentato il primo cittadino dolzaghese – Poi terminare gli interventi per l’illuminazione a led in paese, mettere mano ad alcuni locali del cimitero e prolungare un marciapiede sul provinciale. Al momento stiamo facendo un po’ di conti''.

COLLE BRIANZA: Altri interventi: 410.000 euro
Colle aveva già ottenuto 289mila di spazi finanziari nel 2017. Per il sindaco Marco Manzoni gli ulteriori 400mila euro raggiunti sono un risultato positivo. ''Li concentreremo sulle scuole per rifare l’impianto termico, insieme a quello della palestra – ha commentato – Dovremo intervenire anche sulla centrale termica del Municipio, per l’efficientamento energetico. Spenderemo circa 50mila euro. Un altro intervento molto importante, da 70mila euro, sarà la manutenzione straordinaria del parcheggio in frazione Scerizza.  Poi vedremo di procedere con la manutenzione strade e con l’aggiunta di nuovi loculi per il cimitero''.

ROGENO: Altri interventi: 412.000 euro
Un po’ sorpreso, il sindaco di Rogeno Antonio Martone ha spiegato che attualmente non è in grado di prevedere se la cifra ottenuta in spazi finanziari sarà effettivamente utilizzabile dal Comune, che ancora non ha approvato il bilancio di previsione. ''E’ come avere 5 lire in tasca, ti dicono che puoi spenderne mille, ma tu ne hai sempre cinque – ha spiegato – Vorremmo concentrarci sulla scuola elementare di viale Piave. Ma sinceramente non so quanto avremo in avanzo''. 
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco