Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 274.205.461
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 12/08/2018

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 15 µg/mc
Lecco: v. Sora: ND µg/mc
Valmadrera: 18 µg/mc
Scritto Lunedì 22 gennaio 2018 alle 19:13

Osnago: la prima serata con i 'Percorsi nella Memoria 2018'

Si è svolto domenica 21 gennaio il primo appuntamento sulla memoria sostenuto dalle quattro amministrazioni di Cernusco Lombardone, Lomagna, Montevecchia e Osnago.

Proprio in quest'ultimo Comune, presso lo Spazio Opera De André ha aperto la rassegna la compagnia lecchese "Teatro Invito". La serata rientra anche nella programmazione del Consorzio Villa Greppi, che ha organizzato l'evento.

Giusi Vassena

Daniele Frisco, che ha curato la scelta degli approfondimenti di "Percorsi nella Memoria 2018", ha spiegato come quest'anno si è voluto porre l'attenzione sul carattere europeo della tragedia contro il popolo ebreo. Ha dichiarato: «Le responsabilità per le deportazioni vanno rintracciate anche al di là della Germania, in una dimensione europea. Pensiamo alla Francia, all'Italia e all'Ungheria, per esempio. Il collaborazionismo ha comportato una modifica anche geografica. Varsavia è cambiata completamente».

Alberto Bonacina

L'assessore alla Cultura Maria Grazia Caglio ha manifestato l'importanza della memoria, a distanza di ottant'anni dalla promulgazione delle leggi razziali in Italia: «Noi oggi abbiamo il compito di divulgare per non dimenticare quello che è stato».

L'assessore Maria Grazia Caglio, Daniele Frisco e Marta Comi

Gli attori Alberto Bonacina e Giusi Vassena sono stati i protagonisti sul palco della lettura scenica tratta dal racconto "Il racconto di Mont Brulant" di Steven Schnur, ambientato in un piccolo villaggio francese, dove viveva una comunità ebrea costretta alla deportazione.

Torna anche all'interno di questo brano l'importanza della memoria, che scaturisce dal ricordo di un bambino. Il prossimo appuntamento sarà venerdì 26 gennaio alle ore 20.30 in sala don Sironi sempre a Osnago in via Gorizia con uno spettacolo degli studenti della secondaria di primo grado di Cernusco Lombardone.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco