Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 280.024.107
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 11/10/2018

Merate: 52 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 39 µg/mc
Valmadrera: 38 µg/mc
Scritto Mercoledì 10 gennaio 2018 alle 17:34

Verderio: 44mila € da Calusco della fidejussione Italcementi

Un tesoretto vincolato nell'avanzo di amministrazione, in attesa di capire cosa farne. Nemmeno a Verderio sembrano aver gradito il modo in cui Calusco ha eseguito la ripartizione dei soldi ottenuti escutendo la fidejussione che ''Italcementi'' aveva concesso agli enti firmatari del protocollo di intesa a garanzia della realizzazione di un raccordo ferroviario interno al suo stabilimento.

Il presidente del consiglio Robertino Manega e il segretario comunale Nunzia Tavella

Una somma di 600mila euro che il Comune dell'Isola bergamasca aveva prima ritirato autonomamente, una volta che il progetto del raccordo ferroviario risultò del tutto svanito, senza però il consenso degli altri enti, e che poi avrebbe suddiviso tra le municipalità a propria discrezione, utilizzando i propri criteri, inviando una serie di bonifici lo scorso 27 novembre, che poi arrivarono nelle casse dei rispettivi Comuni il 4 dicembre.
Robbiate ha fatto lo stesso ragionamento di Verderio, vincolando circa 44mila euro in avanzo, mentre Imbersago alla fine di dicembre ha addirittura deciso di restituire i suoi 41mila e rotti euro al mittente. Durante il consiglio comunale che si è svolto a Verderio nella serata di lunedì 8 gennaio, il presidente Robertino Manega ha illustrato la faccenda evidenziando chiaramente che la posizione dell'Amministrazione comunale non è affatto in linea con quella del paese bergamasco.



''A Verderio sono spettati 44.593 euro - ha commentato - L'importo è stato vincolato al risultato di amministrazione del 2017 e sarà in qualsiasi caso destinato ad interventi di compensazione ambientale. Nella ripartizione, innanzitutto, non è stato tenuto conto del fatto che la sottoscrizione del protocollo era avvenuta quando esistevano ancora i due Comuni. E' altresì errata la non inclusione del Parco Adda Nord nel riparto. Nell'ultima seduta è stato sollecitato il commissario di questo ente di chiedere a Calusco il riconoscimento di quanto dovuto''. La lista degli oppositori al ''modus operandi'' di Calusco diventa perciò sempre più lunga.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco