Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 248.268.323
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/11/2017

Merate: ND µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Mercoledì 06 dicembre 2017 alle 15:06

Robbiate: azione per stimolare gli enti a recuperare il naviglio

Nel 2019 ricorrerà il 500esimo anniversario dalla morte di Leonardo Da Vinci, e inoltre sarà con ogni probabilità avviata l'importante opera di realizzazione della ciclovia denominata ''Brezza'' che collegherà le sorgenti dell'Adda al Po, passando anche per i navigli brianzoli.

Da sinistra: il vicesindaco Antonella Cagliani, il sindaco Daniele Villa,
il segretario Rosa Renda e il capogruppo di maggioranza Alessandro Pozzoni

Due motivi che di per sé parrebbero sufficienti a spronare istituzioni ed enti preposti ad ottemperare all'increscioso stato di abbandono in cui versa il naviglio di Paderno, noto soprattutto per la presenza di alcune delle invenzioni più ingegnose dello scienziato italiano, relative ai suoi studi dell'acqua e i suoi percorsi, e perciò è talvolta citato anche con il nome di ''naviglio leonardesco''. Eppure, sembra che nulla si stia muovendo e chi potrebbe fare qualcosa è sordo e pure cieco.
Per questo l'Amministrazione comunale di Robbiate ha proposto nella serata di martedì 5 dicembre, durante la seduta del consiglio comunale, un punto all'ordine del giorno dedicato al recupero e alla conservazione del naviglio, approvato poi all'unanimità dai consiglieri presenti. Così era stato anche qualche mese fa a Paderno, che insieme a Robbiate può fare ben poco, al massimo limitarsi a parlarne e inviare le proposizioni consigliari ai ministeri predisposti, alla Regione e agli enti che si occupano dell'Adda e di ciò che vi sta attorno.

I consiglieri Giancarlo Visigalli e Angelo Vignali

''Ci auguriamo che questo atto possa in qualche modo mettere in evidenza lo stato di abbandono in cui si trova da anni questo naviglio - ha commentato il sindaco Daniele Villa durante l'assise - E' chiaro che attualmente il Parco Adda Nord ha difficoltà ad occuparsene, trovandosi commissariato, ma la necessità di fare qualcosa resta. Non resta che sollecitare i ministeri, la Regione e l'Ecomuseo Adda di Leonardo''.
E' stato sempre il sindaco, durante il suo intervento, a citare il progetto della ciclovia ''Brezza''. ''E' molto probabile che già nel 2018 verranno avviati degli interventi per la realizzazione di questa lunga pista ciclabile che collegherà le sorgenti dell'Adda con il Po - ha spiegato - Riteniamo che questa opera e il necessario recupero del naviglio di Leonardo saranno fondamentali per aumentare le opportunità turistiche che offre il nostro territorio''.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco