Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 248.268.764
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/11/2017

Merate: ND µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Mercoledì 06 dicembre 2017 alle 10:18

Mandic, il dr. Vecchione sul caso Del Boca: ''Pena spropositata, ci sono capitoli aperti''

Il dr. Alberto Vecchione
A una decina di giorni dalla sospensione del dr. Gregorio Del Boca e del direttore sanitario Gedeone Baraldo, cui ha fatto seguito il congelamento del provvedimento in attesa del pronunciamento del giudice del lavoro, è il dr. Alberto Vecchione a "dire la sua".

Dal 1971 al 2004, anno del suo pensionamento, ha prestato servizio all'ospedale Mandic rivestendo anche il ruolo di direttore della struttura semplice di ostetricia. Attualmente svolge attività ambulatoriale ostetrico-ginecologica con visite ed ecografie presso il suo studio.
Conosce bene il dr. Del Boca e l'intero reparto, così come i suoi "meccanismi". "La pena è di sicuro spropositata alla eventuale trasgressione o reato se lo vogliamo chiamare così" ha commentato "Gregorio ha cercato di occupare questi sabati inoperosi rendendoli operosi. Bisognerebbe allora aprire un capitolo a parte e chiedersi perchè non si devono smaltire le liste di attesa utilizzando questi spazi. Quella di sforare le sedute operatorie ordinarie è una prassi che avviene tutt'ora e in tutti gli ospedali. In genere si fa una previsione della durata dell'intervento che può andare oltre il tempo stabilito, allora subentra un'altra équipe che è quella delle urgenze e in coda arrivano interventi di pochi minuti e così si finisce per sforare. Nel pubblico scattano tutte le regolamentazioni sindacali e qui si pone il problema". E tornando sulla pena, il dottor Vecchione ha ribadito l'eccesso della "sanzione" comminata. "Nella pubblica amministrazione esiste una gradualità: si parte da un richiamo verbale, poi si passa allo scritto e alla censura fino arrivare alla sospensione, da un minimo di 10 giorni. Due mesi davvero mi sembrano fuori misura, tenendo conto anche che tutti sapevano. E l'azienda ha reagito in maniera esagerata. Gregorio lo ha fatto a fin di bene e non certo per interesse personale. Ci sono dei regolamenti e vanno rispettati, ma la eventuale "punizione" non può essere spropositata". E per concludere "alla polemica sul caso del Boca e Mandic...entra poi in gioco naturalmente la politica".
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco