Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 288.113.413
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/01/2019

Merate: 81 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 69 µg/mc
Lecco: v. Sora: 54 µg/mc
Valmadrera: 75 µg/mc
Scritto Lunedì 06 novembre 2017 alle 17:58

Con Luca nel cuore fino a New York per correre la maratona in nome della ricerca

Luca

Stanchi ma felici di aver portato a termine la loro maratona. O meglio la maratona di Luca perchè la corsa nella "grande mela" è stata il modo che famigliari e amici hanno voluto vivere per calpestare quei chilometri che lui tanto amava e per i quali, consumato dalla malattia, avrebbe voluto correre anche nel 2016.


Ieri tra migliaia di altri podisti da tutto il mondo c'era anche un gruppo di meratesi e bergamaschi che ha raccolto il testimone del giovane, morto a 49 anni per un tumore al cervello, e che nonostante il referto nefasto aveva corso diverse maratone facendosi sostenitore della raccolta fondi a favore della Fondazione per la Ricerca Biomedica onlus. Domenica 5 novembre con le magliette giallo fosforescenti, il sorriso stampato sulle labbra, il dolore nel cuore per la perdita dell'amico che però si è fatto carburante per macinare con forza ed entusiasmo il percorso fino al traguardo, hanno macinato tutti i km con Luca nel cuore e con la volontà di sostenere la ricerca raccogliendo fondi.

Per qualcuno si è trattato di un esordio non da poco, per qualcun altro un evento già sperimentato ma tutti si sono preparati a questa tappa con grande entusiasmo, testandosi con la mezza di Milano, la 30 km di Monza e la 30 km Clusone-Alzano. "4 anni fa mio fratello Luca si è ammalato di un tumore al cervello. Nonostante la prognosi fosse davvero terribile, Luca ha combattuto con tutte le sue forze e supportato dalle cure dei Proff. Soffietti e Rudà  ha corso più maratone nonostante la malattia e nel 2014 ha deciso di farlo con lo scopo di raccogliere fondi  a favore della Fondazione per la Ricerca Biomedica ONLUS. Purtroppo lui non ce l'ha fatta e l'8 dicembre 2016 ci ha lasciato" ha raccontato la sorella Silvia "Francesca Colombo, Carlo Faranda e Paolo Colombo si sono dati molto da fare, fra le altre cose mantenendo attiva la pagina Facebook e aprendo un sito internet www.cancersucks.it. Quest'anno io e mio fratello Paolo abbiamo deciso di unirci al gruppo insieme a mio marito ed altri amici di Merate e così abbiamo corso la maratona, tanto amata da Luca. A condividere questa avventura ci sono stati nostro papà Giorgio, la moglie di Luca Cristina Ronzoni e gli amici dalla provincia di Bergamo e Lecco". E naturalmente con loro c'era anche Luca.




Hanno corso:
Francesca Colombo - BG
Carlo Faranda - BG
Jacopo Colombo - BG
Paolo Belloni - Cernusco L
Silvia Belloni - Cernusco L
Andrea Nova - Cernusco L
Laura Gilardi - Merate
Maurizio Animosi - Merate
Luca Ghezzi - Merate
Andrea Mandelli - Merate
Matteo Mandelli - Merate
Andrea Manenti - Merate  


Per donazioni:
Fondazione per la Ricerca Biomedica ONLUS IBAN IT11W0335901600100000010185 Causale: cencersucks-Prof Riccardo Soffietti-Terapia Neoplasie Cerebrali
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco