Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 245.863.003
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/11/2017

Merate: ND µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Domenica 15 ottobre 2017 alle 16:05

Rocchetta: gruppi e turisti in visita al Santuario sul fiume

Non si arresta l'incessante flusso di pellegrini, turisti, appassionati di storia e natura che ogni giorno fanno tappa alla Rocchetta di Fiorenzo e qui, affascinati dai racconti e dalla bellezza del posto, si lasciano cullare dall'incanto del posto.
Ci sono scolaresche, famiglie, gruppi e associazioni, camminatori solitari, persone al primo passaggio e altri habitués che trovano sempre modo di stupirsi e meravigliarsi.
Ecco alcune testimonianze e racconti degli "arrivi" degli ultimi giorni.


Al confine del territorio di Paderno, Santuario della Rocchetta di Porto D'Adda  e al Ristoro Stallazzo una visita speciale di un uomo che ama l'Adda e che ha lavorato e lavora a stretto contatto con il nostro fiume, l'ingegnere Giorgio Vitali del gruppo Edison-Edf, per anni dirigente ed ora consulente per le Centrali idroelettriche del nostro tratto di territorio.
Il noto custode Fiorenzo Mandelli, che già conosceva l'ingegner Giorgio e da cui ha spesso ricevuto attestati di stima e sostegno, ha accolto lui e i suoi famigliari allo Stallazzo, dove gli ospiti hanno molto apprezzato la mostra fotografica di Giovanni Gargantini, dedicata agli animali del grande fiume: insetti, roditori, anfibi e uccelli.

Don Marco e Fiorenzo

Casualmente qui si è aggregato alla compagnia don Marco Albertoni  (anche lui con laurea di ingegnere civile) della Comunità Pastorale "Beata Maria Vergine Addolorata" in Paderno d'Adda composta dalle Parrocchie di Paderno,  Robbiate e Verderio. Dopo una chiacchierata sulla funzione delle chiuse leonardesche e sulla loro importanza, il gruppo è salito al Santuario, qua don Marco si è ritirato in preghiera e meditazione personale, come spesso è solito fare, mentre il cicerone Fiorenzo proseguiva a intrattenere i graditi ospiti nella visita della chiesina, delle stanze dei frati, ora trasformate in un piccolo museo e sul piazzale antistante il santuario, dove si trovano i resti archeologici di una cisterna tardo romana.

La giornata non poteva non concludersi con una visita alle Centrali Idroelettriche "Bertini" ed "Esterle", che in pochi conoscono meglio dell'ingegner Vitali; questi autentici reperti di archeologia industriale, sebbene ancora attivi e produttivi, negli anni della loro inaugurazione rappresentavano il primo impianto idroelettrico a livello di potenza in tutta Europa e secondo nel mondo; da qui è evidente come siano effettivamente importanti non solo a livello energetico ma anche e soprattutto a livello storico-culturale, andando ad arricchire il già vasto patrimonio della valle dell'Adda.



Gita sezionale famiglie fuori corso AG e EG. L' occasione per conoscersi meglio ma anche conoscere meglio il territorio vicino a casa. Grazie a Fiorenzo e all' abbraccio caloroso ricevuto da tutti. Grazie della partecipazione. Stupenda giornata!

Davvero  è  stata un'ottima giornata. 
Ragazzi genitori  nonni ed amici erano contentissimi. Quando  organizzi un'uscita  che lascia qualcosa di buono  a chi ha partecipato. ... Ti senti stanca mai in pace col mondo! !!!
Un grande Grazie con un sorridente  sorriso.
Giancarla


L'ing. Renato Ornaghi, ideatore ed esecutore del "Cammino di Sant'Agostino", con un numeroso gruppo è arrivato al Santuario della Madonna della Rocchetta . La consueta assistenza nelle spiegazioni di Fiorenzo Mandelli, hanno fatto poi il resto.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco