Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 241.766.791
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del01/10/2017

Merate: 37 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 34 µg/mc
Lecco: v. Sora: 34 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc
Scritto Giovedì 12 ottobre 2017 alle 14:05

Traffico insostenibile: risposta a Luca

Gentilissimo,
concordo in tutto ciò che ha espresso. Mi sono sicuramente spiegato male, ma per "limitazione degli accessi" intendevo la possibilità di attuare tutti quegli accorgimenti per tutelare chi vuole recarsi a scuola a piedi. Le garantisco che ci sono molti ragazzi/bambini che lo fanno quotidianamente. Per citare un esempio, sarebbe cosi ingiusto prevedere obblighi di svolta, in determinati orari, al fine di vanificare o scoraggiare i tentativi di accorciare il tragitto? Ho tre figli e quindi Sig. Luca conosco purtroppo i "vizietti" di noi genitori. Se ne avessimo la possibilità porteremmo i nostri figli con la macchina direttamente in aula! Ho aderito a quel meraviglioso servizio chiamato Piedibus, ma ho dovuto desistere dopo 3 anni. Si immagini le vie Verdi e De Gasperi a quell'ora del mattino. Autobus, macchine, moto "truccate" e spacca timpani (si perchè ci sono anche quelle, non dimentichiamocelo), rendono l'aria irrespirabile. Siamo in tanti è vero, ma le soluzioni ci sarebbero eccome. In Italia si parla spesso di riforme, ma quella che veramente andrebbe perseguita, la riforma del nostro senso civico, la lasciamo comodamente chiusa nel cassetto. E questa, probabilmente sarebbe una delle tante soluzioni al problema. Utopia? No non credo proprio. Volontà direi. Parliamo anche di mezzi pubblici? Chiediamoci se realmente fanno concorrenza al mezzo privato, in termini di tempo. Io lavoro a Milano e spesso in determinati orari, (la sera anche sul tardi per esempio) tra l'utilizzo del treno o della mia auto c'è una differenza di un'ora e un quarto. Per carità, la situazione è complessa e le soluzioni non sempre sono attuabili in tempi brevi, ma se non "riformiamo" i nostri pensieri non cambierà mai nulla. Se non smettiamo di agevolare il mezzo privato, quello pubblico non potrà mai decollare. Lo sa quante linee ferrate (tramvie) sono state dismesse nel tempo? In Lombardia come nel resto d'Italia. Tante....
Cordiali saluti
Daniele
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco