Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 248.438.395
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/11/2017

Merate: ND µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Mercoledì 09 agosto 2017 alle 17:59

Osnago: ladri in azione in alcune aziende, trafugati arnesi da lavoro e una cassaforte

“E’ una vergogna, ormai non possiamo lasciare più nulla in azienda per paura che arrivino a farci visita. Non ci sentiamo sicuri e queste persone, anche quando vengono prese, purtroppo tornano presto in libertà”.
È grande il disappunto di una delle titolari della “Allestimenti Preziati & Design” di Osnago, dove nella notte tra lunedì 7 e martedì 8 agosto si sono introdotti malviventi che hanno fatto visita ad alcune ditte del paese.
“Siete già passati ieri notte, non rompete la porta grazie” recita il cartello che è stato appeso fuori dall’ingresso, che i ladri hanno tentato invano di forzare.

Una delle aziende prese di mira dai ladri

“L’ho scritto in caso altri volessero fare danni ai nostri infissi. I malviventi sono entrati in azione intorno alle 3.00, una signora che abita qui di fronte ha sentito dei rumori e ha visto un gruppo di uomini che si aggiravano nel piazzale con delle torce in mano. Ha chiamato subito i Carabinieri, nel frattempo sono arrivati gli agenti della Sicuritalia che vengono allertati non appena suona l’allarme” ha spiegato l’imprenditrice. “I ladri prima hanno tentato di forzare la porta di ingresso agli uffici, ma dopo una precedente intrusione abbiamo messo una sbarra di rinforzo e l’hanno danneggiata senza riuscire ad aprirla. Hanno fatto il giro della proprietà provando a spingere tutte le aperture laterali e sono riusciti a entrate nel capannone da una finestra posteriore, sfilando alcuni vetri. Hanno preso una cassetta contenente diversi attrezzi, oltre ad un aspiratore e una levigatrice professionali. Il valore di quanto rubato è di almeno 1.000 euro, cui si aggiungono i danni per altri 3.000 €”.

La porta di ingresso danneggiata e i vetri trovati all'interno

I malviventi hanno visitato un’azienda vicina dove sono riusciti ad asportare una piccola cassaforte. Le immagini delle telecamere di sorveglianza sono ora al vaglio delle forze dell’ordine. “Le abbiamo visionate, si vede una grossa auto scura che entra nella nostra via a tutta velocità, da cui scende un gruppo di uomini. Nel corso della stessa serata hanno tentato di introdursi in più aziende e anche abitazioni. Abbiamo trovato qui da noi un dispositivo portatile di proprietà di un’altra ditta, che probabilmente hanno abbandonato perché ritenuto di poco valore”.

La finestra da cui sono entrati nel capannone e il cartello affisso all'ingresso

Si è trattato dunque con ogni probabilità di una vera e propria “banda” che ha passato la setaccio l’intera zona. Nel corso della stessa nottata, oltre al capannone di Via dell’Artigianato, i ladri hanno visitato una ditta vicina in Via Olivetti e alcune aziende di Via della Tecnica, situata dal lato opposto della Provinciale. Come accaduto anche presso la villa di uno dei titolari, si sono introdotti forzando porte e finestre e solo grazie all’arrivo della Sicuritalia che ha "disturbato" i loro piani è stato possibile limitare i “danni”. In alcuni capannoni infatti non è stato asportato nulla.
Non è la prima volta che si verificano furti nell’area industriale situata tra la linea ferroviaria e Via Milano. “In questo periodo molte ditte sono chiuse per ferie, per questo entrano in azione. Da anni non lasciamo nulla di valore negli uffici, in passato hanno rubato persino il gasolio dai camion ad alcuni nostri vicini. L’altra notte sono entrati dalla finestra forzata e sono usciti dalla porta principale, che per legge è dotata di maniglione antipanico per la sicurezza. Le forze dell’ordine intervengono, ma c’è ben poco da fare se poi la magistratura li lascia subito liberi. Lavoriamo onestamente tutto l’anno e questo è il risultato” ha concluso con amarezza la titolare dell'azienda osnaghese.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco