Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 232.618.647
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 17/07/2017

Merate: 25 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 20 µg/mc
Lecco: v. Sora: 25 µg/mc
Valmadrera: 21 µg/mc
Scritto Lunedì 17 luglio 2017 alle 10:17

La marea arancione dell'università del luogo comune

Chissà perché, la credulità popolare, dalla caccia alle streghe alle scie chimiche, passando per i novax, vince sempre sulla razionalità.
Mi chiedo, davvero era una "marea arancione"? Dai, stavo andando a Lecco a cena, era un bel gruppetto di laureati all'università di internet radunati nel piazzale delle Meridiane.
Questi figuri urlavano libertà. In nome di quella libertà, minacciano, persino di morte o con proiettili consegnate in buste chiuse, chi non la pensa come loro.
Al di la della mancanza di coerenza unita a poche idee ma ben confuse, sbagliano su un punto: la salute è si autodeterminazione, ma anche interesse della collettività.
I danni che causano questi signori, li paga la collettività.
Peraltro, se uno di quei bambini, come avviene nel terzo mondo, contagiasse un altro bambino, magari immunodepresso, che muore, si sentiranno almeno responsabili della morte che hanno causato?
Da parte mia, ringrazio di avere copertura vaccinale: settimana scorsa son caduto in moto, e l'antitetanica ha evitato possibili complicazioni anche mortali. Complicazioni che sono in agguato -ed è statistica- a chi urla una libertà che però fa pagare a tutta la società, irresponsabilmente.
Aumentano i bambini morti per morbillo. In quei casi, ai genitori urlano libertà, farei una bella indagine: per omicidio.
Enrico
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco