Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 302.332.624
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/06/2019

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 6 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Lunedì 28 febbraio 2011 alle 18:22

Lomagna: 389 iscritti Aido, il programma 2011 del gruppo

Si è svolta domenica 27 febbraio a Lomagna, presso la sede del Centro Anziani, l’assemblea annuale del gruppo Aido “Alesssandro e Teresa” di Lomagna-Osnago.



Isidoro Galbusera e Fiore Milone

Presenti all’assemblea l’assessore alla cultura del comune di Lomagna Daniela Panzeri, il Cavalier Fiore Milone in rappresentativa dell’ Aido provinciale ed il presidente del gruppo Isidoro Galbusera. Il gruppo Lomagna-Osnago conta quest’anno 389 iscritti, 197 dei quali residenti a Lomagna e 192 a Osnago. L’ importanza di operare sul territorio promuovendo la cultura della donazione degli organi e l’adesione all’Aido di più persone possibili è stata evidenziata da Galbusera anche a fronte dei dati a livello nazionale. Sono infatti 2600 i trapianti effettuati in Italia nel 2010, a fronte degli oltre 9000 pazienti che sono attualmente in attesa di un organo.

Nel corso dell’assemblea sono state approvate diverse iniziative per il 2011: presenza nelle piazze di Osnago e Lomagna in occasione della giornata della donazione, il 29 maggio, e della giornata dell’informazione, il 9 novembre e, sempre nel mese di novembre, una messa per i donatori. Inoltre, particolare attenzione nel 2011 sarà riservata alla “donazione di cellule da cordone ombelicale”. Infatti, la relazione di Isidoro Galbusera si è particolarmente concentrata sull’importanza di questo tipo di donazione che “rappresenta una valida alternativa per il trattamento di quei pazienti affetti da leucemie e altre gravi malattie del sangue ed in cui il prelievo è indolore e non comporta alcun rischio per la mamma ed il bambino”. Questo tema ha ovviamente dato il via ad un dibattito interessante che, per chi fosse interessato, continuerà in incontri più mirati e specifici nel corso dell’anno.
Associazione correlata:
- A.I.D.O
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco