Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 248.438.258
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/11/2017

Merate: ND µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Martedì 16 maggio 2017 alle 14:59

Merate: il bilancio dell'istituto Viganò, 1019 iscritti in 41 classi. Le famiglie contribuiscono il doppio rispetto allo Stato che latita

Come per il liceo Agnesi, vogliamo fare un resoconto del bilancio dell'istituto Viganò, uscito in concomitanza con la relazione annuale 2017 redatta dal dirigente scolastico dottoressa Manuela Campeggi.


Le premesse parlano di una scuola con una situazione "piuttosto positiva" con margini di miglioramento e investimenti indirizzati sugli sportelli per studenti e i corsi di aggiornamento dei docenti. La nota stonata, però, la si rileva nella manutenzione degli immobili "per la quale la provincia interviene ormai in maniera assolutamente marginale" rileva la preside. Numerosi i problemi dalle finestre rotte all'intonaco sgualcito che vanno chiaramente a discapito della sicurezza di personale e studenti. A fronte di ciò, non potendo fare altrimenti, la scuola si vede costretta a intervenire a proprie spese così come dovrà trovare anche una soluzione per gli spazi inadeguati di alcune aule e della palestra, usata contemporaneamente da più classi.
Nell'anno in corso il totale dei frequentati è di 1019, di cui 435 femmine, per 41 classi; è composto invece da 129 soggetti l'organico docente ed amministrativo.

ENTRATE


Dando un avanzo presunto di 147mila euro, passiamo al dettaglio delle varie voci. I finanziamenti da parte dello Stato ammontano a 74mila euro, pari alla metà dei contributi che arrivano invece dal privato cioè dalle famiglie (144mila euro) per i laboratori e le visite di istruzione. L'avanzo di esercizio è stato ripartito per le uscite didattiche (25mila euro), per le ore di madrelingua (19mila euro), per i corsi CAD (9.800 euro), per l'alternanza scuola lavoro (43mila euro), per l'integrazione degli studenti portatori di handicap (5mila euro).

USCITE


Per quanto riguarda le uscite, sono quattro le aggregazioni cui si fa riferimento: attività (funzionamento amministrativo generale e didattico, spese di personale e di investimento, manutenzione degli edifici), progetti, gestioni economiche, fondo di riserva. Nel dettaglio qualche dato: 73mila euro per le uscite didattiche, 17mila euro per l'educazione alla salute, 69mila euro per l'alternanza scuola-lavoro. Il funzionamento amministrativo generale ammonta a 29mila euro, quello didattico a 33mila euro; 77mila euro le spese di investimento che sono previste per il rinnovo di due laboratori, la messa in sicurezza di tre nuove aule e la realizzazione di un campo di pallavolo. Come anticipato in premessa la scuola dovrà dare una mano alla provincia e corrispondere alle spese di manutenzione e lo farà nella parte di 2.400 euro.
Ci sono poi progetti specifici come quello per la legalità (finanziato con 1.000 euro) e quello per la solidarietà (4.200 euro) nonchè quello per le attività culturali (2.300 euro).
Insomma un ente virtuoso, in grado di risparmiare per investire, chiedendo alle famiglie uno sforzo per garantire il meglio in termini di offerta formativa e opportunità, là dove invece lo Stato, anche nelle sue articolazioni locali, non solo è carente ma in certi casi anche latitante.
  • PER VISUALIZZARE LA RELAZIONE INTEGRALE CLICCA QUI
R.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco