Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 241.880.106
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del01/10/2017

Merate: 37 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 34 µg/mc
Lecco: v. Sora: 34 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc
Scritto Lunedì 20 marzo 2017 alle 18:48

Brivio, Progetto Civico: sulla bufala del presunto 'ammanco' lasciato dall'Amministrazione Panzeri nelle casse comunali

Ugo Panzeri e il simbolo di Progetto Civico
In relazione alla questione di cui in oggetto, venuta alla ribalta sulla stampa locale sul finire del dicembre 2016 e trattata nell'ordine del giorno dell'ultimo Consiglio Comunale tenutosi lo scorso 13 marzo, riteniamo opportuno scrivere quanto segue.
Preliminarmente ci preme precisare che il nostro silenzio sino ad oggi è stato determinato non certo dalla carenza di argomentazioni in merito alle "accuse" che sono state mosse nei nostri confronti ma, piuttosto, dalla nostra volontà di recuperare - operazione peraltro tuttora in corso - gli atti amministrativi relativi a tali "accuse" per poi fornire, al riguardo, una risposta ed informazione più puntuale e documentata possibile.
L'interrogazione presentata dal gruppo di minoranza "Ascoltare per fare" trattata nel citato ultimo Consiglio Comunale e la relativa risposta data dall'assessore con delega al bilancio, sig.ra Roberta Emilia Agostoni, hanno trasformato quella che era sino a quel momento una notizia giornalistica in un atto deliberativo relativamente al quale intendiamo precisare alcuni passaggi e concetti per noi fondamentali, riservando comunque, all'esito del predetto accesso agli atti, ogni ulteriore valutazione ed eventuale azione.
Nel proprio intervento, l'Assessore ha riferito che nella fattispecie è stato "riscontrato un mancato incasso e non un ammanco come veniva scritto su varie testate giornalistiche".
Da tale dichiarazione risulta pertanto che dopo tre mesi dall'apparizione della prima notizia:
- il presunto "ammanco/buco" è diventato un "mancato incasso" (concetto quest'ultimo evidentemente assai diverso dal primo per significato ed effetti)
- l'utilizzo dell'espressione ammanco sarebbe ascrivibile solo alla stampa
- i dati ed i numeri in questione - per stessa dichiarazione dell'Assessore - sarebbero stati diffusi per informare i cittadini in linea con il principio di trasparenza di cui al proprio programma elettorale.
A questo punto ci chiediamo: ma chi e per quale motivo ha inventato la bufala del"ammanco/buco" dell'Amministrazione Panzeri?
Al riguardo evidenziamo in primo luogo che qualora il termine ammanco fosse stata una mera forzatura giornalistica, proprio nel rispetto della suddetta trasparenza, vi erano tutti i tempi e le modalità per fornire una smentita da parte dell'Amministrazione e chiarire la reale situazione dei fatti, non aspettando invece un'interrogazione della minoranza; e se tale interrogazione non vi fosse stata, dov'era la tanto paventata trasparenza?
Riteniamo inoltre che, per reale trasparenza, visto che per stessa ammissione dell'Assessore Agostoni e prima di lei del Sindaco Airoldi, i dati in questione sono stati diffusi dalla stessa compagine di maggioranza, sarebbe opportuno che la cittadinanza potesse conoscere quali dati siano stati effettivamente diffusi, da chi, a chi e con quale modalità.
Solo fornendo anche tali informazioni, tutti potranno sapere chi ha deliberatamente trasformato i mancati incassi in un ammanco, screditando i componenti della passata amministrazione.
Evidenziamo in ogni caso che i dati e i numeri di quello che, ora, è definito "mancato incasso" sono ed erano (già prima dell'intervento dell'attuale maggioranza) informazioni di dominio pubblico essendo riportati negli atti di bilancio dell'Amministrazione Panzeri, atti che sono stati peraltro approvati dagli organi a ciò preposti previo rilascio dei relativi pareri di regolarità da parte dei Responsabili di Settore oltre che dal Revisore dei Conti e che dovrebbero essere ben noti anche all'attuale Primo Cittadino già consigliere di minoranza nel mandato Panzeri.
Per quanto concerne l'ulteriore affermazione dell'Assessore Agostoni che la causa dei mancati incassi sarebbe riconducibile "a un non ottimale indirizzo da parte della precedente Amministrazione" nei confronti degli Uffici, allo stato - riservata come detto ogni ulteriore valutazione ed eventuale azione - ci limitiamo a riportare ed evidenziare che, durante l'Amministrazione Panzeri, i residui attivi (tali sono, tecnicamente, i mancati incassi di cui parla l'attuale maggioranza) relativi alla tassa rifiuti (attuale TARI) sono passati da euro 471.837 dell'anno 2010 (prima dell'inizio dell'Amministrazione Panzeri) a euro 277.422 dell'anno 2015 (ultima annualità finanziaria integrale dell'Amministrazione Panzeri).
Un altro dato interessante che ci preme sottolineare è rappresentato dal totale della tassa rifiuti accertata dal 2011 al 2015 (e comprensiva dei residui attivi del 2010), corrispondente a complessivi euro 2.680.492 di cui sono stati incassati, durante il periodo dal 2011 al 2015, euro 2.371.702, cifra quest'ultima corrispondente al 88.48% dell'accertato.
Come questi ultimi dati si possono conciliare con quanto affermato dall'Assessore Agostoni circa il fatto che "dal 2012 ad oggi vi è stato un aumento esponenziale degli impagati della TARI", lo lasciamo alla cittadinanza, non senza tuttavia evidenziare che i dati predetti rendono chiaro il fatto che il metodo non vessatorio ma dialogante (tenuto presente la situazione di crisi emersa negli ultimi anni) seguito dall'Amministrazione Panzeri, criticato dall'attuale maggioranza, ha ottenuto una consistente percentuale di riscossione non assecondando affatto i "furbetti" di cui ha parlato l'Assessore.

Gli ex amministratori di Progetto Civico:
Aldeghi Simona, Andreotti Matteo, Baio Felice, Casati Emanuela, Galbusera Dario, Monzani Claudio, Panzeri Ugo, Ripamonti Davide, Rossi Marco, Sala Romeo.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco