Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 246.034.224
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/11/2017

Merate: ND µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Lunedì 20 marzo 2017 alle 14:59

Paderno: è ritornato a casa dopo il restauro alla Venaria reale, il quadro della Vergine

Quasi due anni fa aveva lasciato la chiesa parrocchiale di Paderno d'Adda. Adesso, grazie all'impegno dell'amministrazione comunale, del sindaco Renzo Rotta e di Annarosa Panzeri, il grande quadro di Jo. Ambrosi De Turre che rappresenta "La beata Vergine Addolorata che tiene sulle ginocchia il Cristo, morto, ai lati S. Gerolamo e S. Ambrogio" è ritornato sulla parete laterale che la accoglieva.

E nella omelie, prima di chiudere le funzioni del mattino, il parroco, don Antonio Caldirola, ha sottolineato "come la tavola fosse ritornata a Paderno". Restaurato alla Venaria Reale di Torino grazie ad un consistente contributo dell'amministrazione di piazza Vittoria, la tavola in legno era arrivata a Paderno d'Adda mercoledì scorso. Ad attenderla c'erano il sindaco Renzo Rotta e Annarosa Panzeri, che nella giunta precedente amministrazione si era molto adoperata per costruire un percorso che potesse farla tornare alle origini.

Il quadro di San Carlo, che sostituiva momentanealmente la tavola in legno, torna a S. Marta.


Nonchè la dottoressa Cristina Quattrini, esperta d'arte alla Pinacoteca di Brera. "L'impegno dell'amministrazione comunale, prima con Annarosa Panzeri, ora con la nostra direzione - ha spiegato il sindaco Rotta - è stato continuo. Ma questo è patrimonio della nostra comunità, e abbiamo fatto in modo che tale rimanesse".

Annarosa Panzeri, Cristina Quattrini, Renzo Rotta


Dipinto su tavola in legno, con cornice in legno marmorizzato, dunque pesantissima, è ora "difesa" da un antifurto importante, nonchè da una bacheca, che la protegge. La sua storia è centenaria. Padre Giovanni Spinelli, frate benedettino del convento di Pontida, l'aveva ricostruita. Per moltissimi anni la tavola era rimasta sull'altare dell'oratorio sull'Adda, piccola chiesa che sorge all'incile del Naviglio di Paderno. Già nel 1934, durante la sua visita pastorale, il cardinal Schuster, arcivescovo di Milano e della nostra diocesi, segnalava la necessità che fosse restaurata. In "storie di acqua e di uomini" il volume su Paderno d'Adda redatto da Habitat e pubblicato nel 1989, la sua storia era stata ricostruita.


Negli anni novanta il dipinto venne trasferito nella parrocchiale. Annarosa Panzeri, fino a due anni fa vicesindaco e assessore alla cultura, si era adoperata per il suo restauro, che è poi diventato realtà attraverso il percorso che aveva coinvolto Brera e Venaria Reale. La storia del dipinto di Jo. Ambrosi della Torre verrà illustrata in un incontro che l'amministrazione comunale organizzerà.

Sergio Perego
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco