Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 221.454.673
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 11/03/2017

Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 16 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Domenica 19 marzo 2017 alle 15:04

Parco Curone: giornata di recupero ambientale, i volontari fanno pulizia in diversi luoghi

Si è svolta questa mattina la giornata di recupero ambientale del Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone. Accompagnati da un tiepido sole primaverile, fin dalle prime ore del mattino cinquanta volontari, divisi nei quattro diversi "cantieri", hanno lavorato per ripulire e sistemare alcune zone. Tra i volenterosi, le Guardie Ecologiche Volontarie, la Protezione Civile, alcuni membri della ProMontevecchia e semplici cittadini.

A Lomagna, nella località Tricodaglio, i volontari hanno messo mano ad un parcheggio liberandolo da rifiuti abbandonati, tra taniche in plastica, lattine e carta, dedicandosi successivamente alla pulizia dei torrenti Curone e Molgoretta. A Montevecchia, al Butto, si sono occupati della staccionata di via Belsedere rovinata dal cedimento di un albero e della potatura degli arbusti sul ciglio della strada. Sempre a Montevecchia nella località di Ostizza i volontari hanno aperto il sentiero che collega la frazione a Madremolo, infestato dai rovi e dalle sterpaglie; un altro gruppo ha sistemato il lavatoio e la sua sorgente, recuperando un muretto e rimettendo in sesto il drenaggio dell'acqua.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

"Il recupero di questa sorgente era iniziato l'anno scorso proprio in occasione della giornata di recupero ambientale" ha spiegato Giovanni Zardoni, coordinatore delle GEV del Parco. "Ogni anno cerchiamo di iniziare un nuovo cantiere: quest'anno abbiamo deciso di riaprire il sentiero che collegava le località di Ostizza e di Madremolo. Il nostro territorio è ricco di questi sentieri per così dire "minori", che stiamo cercando di sistemare per rendere più agevoli le passeggiate nei nostri boschi".
Anche la Croce Bianca di Merate è stata presente alla giornata, rimanendo a disposizione con i suoi volontari in caso di bisogno. Al termine della mattinata un ricco rinfresto al Centro del Parco Cà del Soldato ha ristorato i volontari dal lungo lavoro di sistemazione.
B.F.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco