Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 245.870.347
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/11/2017

Merate: ND µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Giovedì 16 febbraio 2017 alle 20:18

Meratese: sottopassi ferroviari e stradali imbrattati e sporchi o colorati e artistici. Passeggiata nei ''tunnel'' dei nostri paesi

Ci sono sottopassi esclusivamente pedonali, altri misti per biciclette e carrozzine, altri solo per normodotati senza problemi di deambulazione con stomaco forte e capacità di superare ostacoli.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Si tratta dei passaggi realizzati per "scavalcare" in sicurezza le arterie principali che attraversano i nostri paesi oppure che conducono alle banchine dei treni. Alcuni risalgono ad almeno una decina di anni fa, il più recente è quello di Merate costruito in concomitanza con l'ampliamento del supermercato Auchan. Non tutti i paesi, chiaramente, ne sono dotati anche perchè dipende proprio dalla conformazione morfologica e viabilistica del territorio e non sempre sono ben mantenuti: per inciviltà, graffittari in azione, sporcizia.

CALCO


Il peggiore è sicuramente, a nostro parere, quello di Calco nei pressi di Largo Pomeo. Qui il problema si pone da tempo: l'amministrazione guidata da Stefano Motta, evidentemente, non vi ha ancora messo mano poiché il montacarichi per disabili non funziona e ci sono delle assi in legno a terra per aiutare il pedone a non camminare...su acqua e fango. Uno scivolone per un piede messo in fallo e la conseguente caduta a chi sarebbero da imputare? In queste condizioni, forse, tanto vale chiuderlo.

IMBERSAGO


Quello di Imbersago non è di certo meglio. Due ripide rampe di scale consentono di arrivare nel tunnel che attraversa la SP56. Le pareti sono ricoperte di scritte e sporco e oscurità non sono certo un incentivo ad utilizzarlo dopo le sei di sera.

OSNAGO - STAZIONE

 

CERNUSCO - ESSELUNGA


A Osnago e Cernusco, invece, si è dato spazio all'estro dei giovani che, su apposito progetto, hanno potuto illustrare le pareti in cemento armato con disegni e raffigurazioni belle a vedersi e anche di un certa qualità. Peccato che in alcuni punti i soliti incivili abbiano rovinato le pitture con scritte e firme che nulla hanno a che vedere.

OLGIATE


A Olgiate i sottopassi della stazione e di fronte al municipio sono imbrattati da sigle, scritte, parolacce che danno una sensazione di degrado. Anche alla stazione di Airuno il tunnel che passa sotto i binari è tinteggiato da alcuni "volti", anche fatti bene, e da scritte e firme senza alcun filo logico.

MERATE

Insomma se le stazioni, per il loro via vai continuo e per il fiume di persone quotidiano, di certo faticano a "restare pulite", non va meglio per gli attraversamenti sotto le arterie stradali.
I pedoni preferiscono utilizzare i passaggi a raso, salvo che non ci siano piste lunghe e facilmente percorribili (come il sottopasso della Cappelletta a Osnago o poco più a nord quello della Decathlon) e spesso vi sono comunque costretti.

Al di là poi della competenza della manutenzione di tali strutture, restano una civiltà e educazione di fondo che purtroppo mancano, con conseguenze che vanno a discapito dell'intera collettività.

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco