Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 217.032.541
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 20/01/2017

Merate: 79 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 54 µg/mc
Lecco: v. Sora: 48 µg/mc
Valmadrera: 33 µg/mc
Scritto Lunedì 09 gennaio 2017 alle 18:47

Robbiate: restituiti a Edison 7mila euro per la centrale

Nel 2007 la società Edison S.p.A. aveva versato 7mila euro nelle casse del Comune di Robbiate come sovracanone per la gestione delle tre centrali idroelettriche presenti sul territorio, sulla base di una legge che poi la Corte Costituzionale ha definito "incostituzionale". La società energetica, alcune settimane fa, ha quindi chiesto ufficialmente che la somma le venga restituita, scrivendo alle Amministrazioni comunali di Robbiate, Paderno, Imbersago e Cornate d'Adda, i paesi dove hanno sede le centrali Esterle, Bertini e Semenza. L'Amministrazione comunale di Robbiate ha preso delle precauzioni, le stesse che erano state prese alcune settimane fa anche in Consiglio comunale a Paderno d'Adda, mettendo le mani al bilancio con un'integrazione di spesa, pubblicata nell'albo pretorio lo scorso 23 dicembre, attraverso la quale è stato accantonato l'equivalente della cifra, in attesa che i giudici che stanno lavorando al ricorso presentato dai Comuni brianzoli emettano la loro sentenza. "E' vero, la Corte Costituzionale ha definito incostituzionale la legge 266 del 2005, secondo la quale le società che usufruivano delle concessioni per le centrali idroelettriche dovevano versare quelle somme aggiuntive, rispetto a quelle delle concessioni, ai Comuni e allo Stato - ha spiegato il sindaco di Robbiate Daniele Villa - E' anche vero, però, che alla sentenza della Corte Costituzionale, arrivata nel 2011, si è aggiunta successivamente una legge per la quale i Comuni non sono tenuti a rimborsare le società energetiche". Villa ha poi spiegato che, così come aveva fatto anche Paderno d'Adda, il Comune di Robbiate ha di recente risposto con una missiva indirizzata alla società Edison spiegando, in buona sostanza, di non avere nessuna intenzione di rendere quei 7mila euro.

Paderno d'Adda, solo tre settimane fa, aveva dovuto accantonare con una variazione urgente al bilancio quasi 12mila euro, la somma dei sovracanoni versati da Edison nel 2007, più gli interessi.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco