Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 239.323.748
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del10/09/2017

Merate: 9 µg/mc
Lecco: v. Amendola: ND µg/mc
Lecco: v. Sora: 4 µg/mc
Valmadrera: 5 µg/mc
Scritto Domenica 08 gennaio 2017 alle 18:42

Le Poste Italiane hanno cotto il razzo

Le Poste Italiane si sono trasformate in una banca, perdendo per strada la funzione originale per la quale erano state create. E non è che in questa nuova veste abbiano fatto poi tanto bene: le quote del loro fondo immobiliare IRS che all'inizio valevano 2500 euro ora ne valgono 390, con una perdita del 85%: un bagno di sangue per gli investitori. Il fondo Obelisco invece ha ceduto a dicembre per 32.7 milioni di euro immobili che al 30 giugno erano valutati 45 milioni in più, altra strage di soldi. Consob, Banca d'Italia e controllori vari dove erano? Evidentemente a verificare i conti di MPS, Banca Etruria e le altre banche dei furbetti del quartierino, con gli ottimi risultati che sappiamo. Se le Poste Italiane si sono trasformate in una banca per raggiungere queste belle prestazioni, forse valeva la pena di continuare a distribuire solo corrispondenza e pacchi. Magari le perdite erano inferiori.

Oggi non si può più leggere un quotidiano o guardare la TV senza essere colpiti dalla assillante pubblicità di Poste Italiane, sui giornali a pagina intera, in TV accompagnata del ben noto motivetto. Che spendano meno in pubblicità e più in assunzione di postini.
Da un più di un mese aspetto le due riviste mensili che sarebbero dovute arrivare ai primi di dicembre.
Credo di interpretare il pensiero di milioni di italiani dicendo: Poste Italiane, avete cotto il razzo.
Pepito Sbazzeguti
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco