Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 299.328.355
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 09/05/2019

Merate: 12 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 5 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Sabato 24 dicembre 2016 alle 15:02

Brivio: auguri... di gioia del sindaco a dipendenti e associazioni

La nuova amministrazione comunale di Brivio ha mantenuto viva la tradizione degli Auguri di Natale, la mattina della vigilia, presso la sala civica. Un'occasione per mangiare una fetta di panettone - la scelta, per la precisione, quest'anno è caduta su veneziane artigianali - con i dipendenti, le "autorità" del paese e i rappresentanti di tutte le associazioni e i gruppi attivi in seno alla comunità.

Nel suo primo discorso "di Natale", il sindaco Federico Airoldi - a braccio - ha augurato ai presenti di vivere queste festività nel pieno della gioia, rivolgendo un pensiero particolare ai giovani, per i quali ha chiesto l'impegno di tutti per garantire loro un futuro prospero e, specularmente, agli anziani che, anche nei momenti difficili, "ci hanno insegnato ad andare avanti". Citate poi, con delicatezza, anche le persone in situazioni di fragilità - fisica o psicologica - e tutti coloro che si trovano in un momento di difficoltà, magari a causa della perdita del posto di lavoro.

Non potevano mancare due parole rivolte direttamente ai lavoratori del municipi, costretti ad operare sottorganico e a fronteggiare ogni cambiamento normativo con quanto ne consegue in termini di procedure e aggiornamenti. Infine un sincero "grazie" è andato alla ricca platea e dunque ai delegati degli Enti, delle associazioni e dei gruppi che rappresentano "il cuore e l'anima di questo paese". Quale augurio per il 2017, il primo cittadino, ha infine espresso l'auspico che il clima natalizio aiuti a far sentire i diversi elementi della comunità ancora più vicini. "Ciascuno di noi si senta parte della società" ha detto, invocando una maggiore coesione, prima di chiudere con due comunicazioni di servizio: l'apertura di un nuovo bando per volontari e il "lancio" nella giornata di ieri dell'app "Brivio Smart", scaricabile da tutti i cittadini, per "avere il comune in tasca". Articolata in più sessioni, quest'ultima, permetterà agli utenti non solo di rimanere informati ma anche di comunicare "direttamente" con gli uffici, per "rendere tutto più agile".

Il maresciallo Valenza e il sindaco Airoldi

In chiusura, prima di stappare lo spumante, si sono susseguiti gli interventi del comandante della Stazione dei Carabinieri e del parroco, "nuovi" così come il sindaco.
Elogiando Airoldi per i concetti espressi e le associazioni rivierasche per il loro "attivismo", il maresciallo Vincenzo Valenza, riprendendo una recente omelia di don Emilio Colombo, ha affermato, in riferimento agli Uomini dell'Arma: "non siamo qui a fare gli eroi, siamo persone normali. Tutti i giorni abbiamo a che fare con i problemi delle persone". Garantendo ovviamente impegno nel cercare di risolverli ha così ringraziato la società civile, l'amministrazione e la parrocchia per l'apporto di ciascuno.

A destra don Emilio Colombo

Ha invece incentrato il proprio discorso su quattro verbi propri dell'Ultima cena del Signore (prendere, benedire, spezzare e dare) il sacerdote, arrivato a settembre a Brivio da Lecco, spiegandoli singolarmente e ricordando siano "doni che il Natale può dare ai cristiani".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco