Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 226.871.710
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/05/2017

Merate: 11 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 8 µg/mc
Lecco: v. Sora: 4 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Giovedì 22 dicembre 2016 alle 11:30

Krassowski: ''Atteggiamento spocchioso degli strateghi che andarono dritti per la loro strada. Ora tutto è fermo e bloccato''

Salvatore Krassowski, attuale consigliere comunale di minoranza di Cernusco Lombardone e membro del comitato lecchese per l'acqua e i beni comuni, era stato l'unica voce fuori dal coro quando, nel maggio 2015, rappresentando la sua amministrazione in qualità di vicesindaco, aveva votato contro il bilancio 2014 di lario reti holding. Una posizione sempre molto chiara e netta, portata avanti a dispetto delle correnti che si spendevano in appassionate difese e che ora ha visto un pronunciamento senza precedenti e anche molto preoccupante sulle conseguenze.

Il dr. Salvatore Krassowski
"Gli scenari sono da approfondire" ha commentato "quanto l'amministratore ha fatto finora è nullo perchè così dice la norma in materia di contratti citata nella sentenza dell'ANAC (Associazione Nazionale Anti Corruzione). Il responsabile dell'anticorruzione di Lario Reti Holding che avrà già ricevuto il pronunciamento dovrà istruire la pratica così come chiaramente indicato e il procedimento dovrà essere avviato anche nei confronti di chi ha conferito l'incarico a Cavallier, cioè i sindaci. Ora tutto è fermo e bloccato e anche su altre nomine gli amministratori non si potranno esprimere. Quanto accaduto è un fatto gravissimo, inutile cercare altre parole". E tornando indietro nel tempo, quando appunto la sua mano alzata al voto contrario aveva suscitato qualche sorriso beffardo e compassionevole, Krassowski ricorda "Ho ben presente l'atteggiamento di Cavallier che alle obiezioni poste aveva detto chiaro che la norma in quel caso non si applicava...infatti...Nonostante le richieste di rinvio per l'approfondimento sulla questione i sindaci, schierati, andarono dritti per la loro strada...mi piacerebbe sapere ora cosa ne dicono gli strateghi, che con il loro atteggiamento spocchioso non avevano ascoltato alcuno. Ora mi auguro che ci si fermi e si valutino attentamente le conseguenze e non ci sia la solita superficialità nell'affrontare gli effetti di questa deliberazione. Va verificata anche la questione dell'accettazione della carica e sarei curioso di sapere cosa ne pensa la Corte dei Conti dopo il pronunciamento delle scorse settimane..."
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco